Navigation

Siria: ospedali trasformati in centri di tortura

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2011 - 09:54
(Keystone-ATS)

Il governo siriano ha trasformato gli ospedali in "strumenti di repressione" nel suo sforzo di annientare l'opposizione. Lo denuncia Amnesty International in un nuovo rapporto pubblicato oggi sul suo sito. Nel documento di 39 pagine si afferma come alcuni pazienti, in quattro ospedali governativi, siano stati torturati.

Anche il personale ospedaliero sospettato di curare manifestanti rimasti feriti in seguito a scontri di piazza è stato o arrestato oppure torturato.

"È allarmante che le autorità siriane sembra abbiano concesso alle forze di sicurezza piena libertà di azione negli ospedali e che in molti casi anche il personale ospedaliero abbia preso parte alle torture", afferma Cilina Nasse, responsabile di Amnesty per il Medio Oriente e il Nord Africa.

Medici dell'ospedale nazionale di Homs hanno raccontato ad Amnesty che il numero delle ammissioni negli ospedali per ferite di armi da fuoco sono scese enormemente da maggio scorso, in contrasto invece con l'aumento di decessi e feriti. Amnesty ricorda anche il problema della ricerca del sangue per le trasfusioni e afferma che il sangue può essere ottenuto dalla banca centrale del sangue, controllata dal ministero della Difesa. Gli ospedali privati si trovano dunque di fronte a un dilemma come spiega un medico. "Se abbiamo di fronte un paziente che ha bisogno di sangue dobbiamo decidere se mandare la richiesta alla banca centrale del sangue, ma in quel caso la sicurezza verrà a conoscenza del suo caso e procedere agli arresti oppure torturarlo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?