Navigation

Spagna: caos aeroporti, controllori tornano al lavoro

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2010 - 14:50
(Keystone-ATS)

MADRID - Dopo la decisione del governo spagnolo di proclamare lo "stato d'allerta", i controllori di volo, in sciopero selvaggio da ieri pomeriggio, hanno iniziato a tornare ai posti di lavoro. Lo dicono fonti dell'ente aeronautico spagnolo, Aena. Le torri di controllo sono state poste dalla notte scorsa sotto la direzione di alti ufficiali dell'aeronautica militare.
Secondo le fonti, metà circa dello spazio aereo nazionale è ora riaperto, ma i voli non sono ancora ripresi. Davanti alla situazione di caos, la principale compagnia aerea spagnola, Iberia, e diverse compagnie estere hanno annunciato a fine mattinata la cancellazione di tutti i voli della giornata.
Sei dei 23 settori aerei di responsabilità del centro di controllo di Madrid sono riaperti, come pure 11 dei 15 di Barcellona, 4 dei 7 di Siviglia, 7 dei 9 delle Canarie e 1 su 4 nelle Baleari.
L'Aena ha inviato comunicazioni a ogni controllore, informandolo della proclamazione dello stato d'allerta, che implica la loro "mobilitazione" e pene di carcere in caso di "disobbedienza".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.