Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MADRID - Diversi giornali spagnoli pubblicano oggi un nuovo comunicato del gruppo indipendentista Eta che chiede una mediazione internazionale dopo il suo recente annuncio di cessate il fuoco che non è stato giudicato sufficiente dal governo spagnolo.
Il nuovo messaggio è stato pubblicato oggi integralmente dal giornale basco Berria e da Gara, il quotidiano vicino agli indipendentisti che nella serata di ieri aveva diffuso alcuni estratti sul suo sito internet.
L'Eta si dichiara pronta ad andare più in là del cessate il fuoco annunciato ed ad incontrare mediatori internazionali per "studiare con loro le tappe necessarie al processo democratico, compresi i passi che l'Eta deve adottare". Inoltre si impegna a rispettare la dichiarazione di Bruxelles, un testo firmato il 30 marzo da personalità internazionali, tra cui il premio Nobel sudafricano Desmond Tutu e l'ex presidente irlandese Mary Robinson, che chiedeva all'Eta "un cessate il fuoco permanente e completamente verificabile".
Ma fonti del governo, che aveva giudicato insufficiente l'annuncio dell'Eta della tregua, non hanno accolto con interesse questa nuovo passo. "Non è il momento di comunicati - ha detto una fonte al Mundo - nessun comunicato servirà a nulla" perchè l'unica cosa che deve fare l'Eta è "abbandonare le sue attività armate e sciogliersi".
Segno della mancanza di credibilità che sembra ormai avere l'Eta pochi giornali spagnoli mettono oggi in prima questo nuovo annuncio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS