Navigation

Strauss-Kahn: cameriera, vada in prigione, non cerco soldi

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 luglio 2011 - 08:17
(Keystone-ATS)

"Per colpa sua mi trattano come una prostituta. Deve andare in prigione. Deve sapere che ci sono posti dove non può usare il suo potere e i suoi soldi". Nafissatou Diallo, la cameriera dell'hotel Sofitel che accusa l'ex direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) Dominique Strauss-Kahn di violenza sessuale, esce allo scoperto. E affida al settimanale Newsweek la sua versione dei fatti che, afferma, "non è mai cambiata".

"Noi siamo poveri ma brava gente. Io non penso ai soldi" afferma Diallo, intervistata nell'ufficio del suo legale Thompson Wigdor. Immediata la replica dei legali di Strauss-Kahn: "Vuole infiammare l'opinione pubblica".

Ricostruisce nel dettaglio quanto accaduto sabato 14 maggio quando, dopo aver bussato alla stanza 2806, quella di Strauss-Kahn, e non aver ricevuto risposta, è entrata. Dal corridoio che si affacciava sulla camera da letto ha visto un uomo nudo con i capelli bianchi. "Mi scusi" ha detto immediatamente e si è avviata verso l'uscita. "Non devi scusarti" ha risposto Strauss-Kahn che - secondo la sua ricostruzione - le si è gettato addosso: "Sei bellissima" le ha detto. "Si fermi, non voglio perdere il mio lavoro" ha replicato la donna. "Non lo guardavo, avevo paura, non mi aspettavo nessuno nella stanza" aggiunge. "Mi ha spinto sul letto" e ha cercato di avere un rapporto orale. "L'ho spinto, mi sono alzata, volevo spaventarlo e ho detto che c'era il responsabile". Strauss-Kahn avrebbe replicato che non c'era nessuno e nessuno l'avrebbe sentita.

Dopo che Strauss-Kahn l'ha costretta a un rapporto orale, è riuscita scappare. "Sono corsa nel corridoio, ero nervosa, spaventata, non volevo perdere il lavoro". Mentre cercava di calmarsi ha visto Strauss-Kahn uscire dalla stanza con il bagaglio. "Non so come si sia vestito così velocemente. Mi ha visto e non ha detto niente". Diallo è poi rientrata nella stanza 2806, quella dove è stata assalita, per recuperare gli strumenti di lavoro.

Il responsabile dell'albergo poco dopo l'ha incontrata nella hall e l'ha vista scossa. "Se qualcuno cercasse di violentarti in questo lavoro cosa faresti?" ha chiesto Diallo. In quel momento è scattata la macchina e un'ora dopo aver parlato con il responsabile, è stata chiamata la polizia. La mattina seguente su Channel 7 ha saputo chi era l'uomo che l'ha assalita. Il telefono del suo appartamento ha iniziato a squillare, e Diallo ha svegliato la figlia e le ha preparato un bagaglio per mandarla da un parente. La bambina di 7 anni ha cercato di rassicurare la madre: "La verità verrà fuori. Sono stata così contenta quando l'ha detto". Guardando avanti, Diallo dice che vorrebbe tornare a lavorare nell'albergo, ma nel reparto lavanderia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?