Navigation

Suu Kyi libera: van Rompuy, spero possa continuare sua lotta

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 novembre 2010 - 16:53
(Keystone-ATS)

BRUXELLES - "Sono incoraggiato dalla liberazione di Aung San Suu Kyi dopo una reclusione durata oltre un decennio e mezzo". Comincia così la dichiarazione di Hermann Van Rompuy, presidente permanente del Consiglio europeo.
Aung San Suu Kyi "ha diritto alla libertà - prosegue la dichiarazione di Van Rompuy - e il regime in Birmania deve difendere questo diritto".
La donna, che nel 1991 è stata insignita con il Premio Nobel per la pace, "è - secondo Van Rompuy - un simbolo della libertà di espressione, dei diritti umani e della democrazia e mi auguro che la sua lotta politica possa ora continuare e sia possibile portare la democrazia in Birmania".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?