Navigation

Svizzera-Azerbaigian: Doris Leuthard a Baku per gas naturale

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 novembre 2011 - 15:54
(Keystone-ATS)

La consigliera federale Doris Leuthard è stata ricevuta oggi a Baku dal presidente dell'Azerbaigian Ilham Alijew col quale ha discusso, in particolare, della realizzazione del progetto Trans-Adriatic-Pipeline (TAP) per il trasporto di gas naturale che coinvolge l'impresa svizzera EGL, oltre alla norvegese Statoil e alla tedesca E.On-Ruhrgas.

Il progetto TAP consentirà di far transitare ogni anno, a partire dal 2017, fino a 10 miliardi di metri cubi di gas dall'Azerbaigian verso l'Italia, passando attraverso la Turchia, la Grecia e l'Albania.

Tale progetto fa parte del "Memorandum of Understanding" firmato nell'ottobre del 2007 dai due Paesi, documento che fissa il quadro per una più intensa collaborazione a livello economico, tecnologico e scientifico tra Baku e Berna.

Doris Leuthard, indica una nota odierna del Dipartimento dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e della comunicazioni (DATEC), ha incontrato anche il ministro dell'energia e dell'industria, Natig Alijew, e quello dell'ambiente, Huseyn Bagirov.

Durante questi colloqui si è parlato di diverse possibilità di collaborazione nel settore delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica, nel quale la Svizzera dispone di un know-how di punta. In questo contesto, sottolinea la nota del DATEC, la ministra dell'energia ha visitato l'Accademia nazionale delle scienze.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?