Navigation

Svizzera-Germania: banchieri dicono "sì" ad accordo fiscale

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 aprile 2012 - 13:44
(Keystone-ATS)

L'Associazione svizzera dei banchieri dice "sì" al riveduto accordo fiscale con la Germania. "Un primo esame del protocollo aggiuntivo firmato oggi mostra che la Svizzera ha largamente dato seguito alle esigenze tedesche", si legge in un comunicato odierno.

Gli elementi chiave della strategia finanziaria elvetica sono tuttavia salvaguardati, in particolare il principio dell'anonimato dei clienti, la trattenuta liberatoria alla fonte, il futuro tasso di imposizione e l'accesso bilaterale al mercato bancario.

"Nel suo insieme - si legge nella nota - l'accordo è equo per i clienti, perché dà loro la possibilità di regolarizzare la propria situazione fiscale tutelando la sfera privata". I banchieri svizzeri mettono comunque le mani avanti: la loro associazione ha infatti indicato che non sosterrà ulteriori modifiche all'intesa negoziata.

La scadenza per l'attuazione dell'accordo "costituisce una grande sfida per le banche". "Il processo di ratifica deve quindi essere portato avanti quanto prima da entrambe le parti", conclude il comunicato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?