Navigation

Swiss: biglietti più cari con nuova tassa tedesca

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2010 - 18:47
(Keystone-ATS)

ZURIGO - La compagnia aerea Swiss ribalterà sui propri clienti la nuova tassa sui voli provenienti dalla Germania adottata dal governo di Angela Merkel e che deve entrare in vigore il primo di gennaio. L'ammontare di questo balzello dipenderà dalla distanza del tragitto.
Per un passeggero che parte dalla Germania diretto in Svizzera, la tassa ammonterà a 8 euro. Ma per i viaggiatori in partenza da uno scalo tedesco e che transitano dalla Svizzera, Swiss dovrà pagare rispettivamente 25 euro per un volo di media distanza e 45 euro per voli di lunga distanza.
Ad ogni modo, vista la concorrenza, non sarà possibile ripercuotere sul prezzo del biglietto l'intera imposizione, in particolare per certe tratte, ha detto oggi all'ATS la portavoce di Swiss Andrea Kreuzer. La stessa politica verrà adottata dalla casa madre del vettore elvetico, Lufthansa.
Benché l'adozione di questa tassa non sia ancora stata formalizzata in una legge, Lufthansa tiene già conto da questo mese di questo balzello nelle tariffe dei voli previsti per l'anno prossimo. La legge deve ancora essere adottata dal parlamento di Berlino. La tassa è legata alle emissioni di CO2 causate dai voli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.