Navigation

Swiss: fallite trattative per CCL con piloti

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2011 - 10:38
(Keystone-ATS)

Sono falliti i negoziati in vista del rinnovo del contratto collettivo di lavoro (CCL) tra la compagnia aerea Swiss e Aeropers, il sindacato dei piloti di Airbus. Lo ha annunciato quest'ultimo sottolineando che malgrado mesi di discussioni non si è giunti ad un'intesa. L'attuale CCL è valevole solo fino a fine mese.

Un'ultima discussione tra Harry Hohmeister, direttore generale della filiale del gruppo tedesco Lufthansa, e il presidente di Aeropers Rolf Odermatt non ha portato a nessun accordo, afferma oggi il sindacato in un comunicato.

I piloti chiedono in particolare condizioni di lavoro sopportabili durante tutta la carriera professionale, periodi di riposo più numerosi e meglio pianificabili, nonché remunerazioni in linea con la prassi del settore.

Questi requisiti implicano l'assunzione di nuovi piloti per permettere a quelli già impiegati, e alle loro famiglie, di meglio pianificare i tempi di recupero, cosa oggi praticamente impossibile. Il sindacato lamenta infatti la tendenza al lavoro su chiamata che comporta la situazione attuale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.