Navigation

Terrorismo: Svezia; magistrato, stazione possibile obiettivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 dicembre 2010 - 07:43
(Keystone-ATS)

STOCCOLMA - L'attentatore suicida di Stoccolma era pronto a colpire una stazione ferroviaria o un grande magazzino della capitale svedese: lo ha ipotizzato il procuratore capo incaricato dell'inchiesta, Tomas Lindstrand, sottolineando che se non ci fosse stata l'esplosione anticipata il terrorista avrebbe potuto compiere una strage.
"Non è molto azzardato ipotizzare che puntasse a qualche posto dove c'erano più persone possibile, forse la stazione centrale, forse Ahlens", ha detto il procuratore riferendosi ad un grande magazzino.
"Indossava una cintura esplosiva e portava uno zaino con una bomba", ha riferito Lindstrand parlando a giornalisti. "Portava anche un oggetto che assomiglia a una pentola a pressione", ha detto ancora il magistrato. "Se tutto ciò fosse esploso assieme - ha aggiunto il magistrato - avrebbe causato danni molto seri".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.