Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BANGKOK - Saltata ogni trattativa con le "camicie rosse", dopo essere arrivati a un passo dall'accordo per andare a elezioni anticipate, il governo thailandese di Abhisit Vejjajiva ha deciso di isolare da questa sera l'accampamento che i manifestanti antigovernativi presidiano dal 3 aprile nel centro di Bangkok. In risposta, i sostenitori dell'ex premier Thaksin Shinawatra hanno annunciato di voler rimanere in piazza fino alle dimissioni di Abhisit.
Dalle 18:00 (le 13:00 in Svizzera) le autorità hanno chiuso tutti gli accessi alla zona occupata dai "rossi": le arterie stradali principali, quattro fermate della metropolitana sopraelevata e due di quella sotterranea. Nel centro della capitale, già dalle prime ore del pomeriggio il traffico era paralizzato, anche perché la gente ha lasciato gli uffici in largo anticipo. Da questa sera hanno chiuso anche alcuni centri commerciali ai margini della protesta, che si vanno ad aggiungere agli shopping mall e agli alberghi di lusso off-limits da oltre un mese.

SDA-ATS