Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BANGKOK - L'ex generale dell'esercito thailandese Khattiya Sawasdipol, conosciuto con il nome di Seh Daeng ("comandante rosso"), è morto questa mattina dopo essere stato colpito alla testa da un proiettile sparato da un cecchino lo scorso 13 maggio durante le manifestazioni antigovernative. Lo hanno reso fonti ospedaliere.
"È morto questa mattina", ha detto all'agenzia di stampa francese Afp un portavoce dell'ospedale a Bangkok.
L'ex generale, 58 anni, era stato ricoverato privo di coscienza, tra la vita e la morte, il 13 maggio scorso, dopo essere stato colpito in testa da un proiettile sparato da un cecchino mentre partecipava ad una manifestazione delle camicie rosse, di cui era uno dei leader più estremisti.
Intanto è salito a 35 il bilancio delle vittime degli scontri tra forze dell'ordine e manifestanti a Bangkok.

SDA-ATS