Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BELLINZONA - Cento giorni supplementari di prigione per aver attaccato verbalmente con termini virulenti due giudici federali. È questa la richiesta di pena fatta oggi al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona dal procuratore Hansjörg Stadler nei confronti di Gerhard Ulrich.
Il presidente dell'associazione "Appel au peuple" sta già scontando una condanna di quattro anni per incendio doloso, coazione e diffamazione nel carcere vodese di Orbe. Stamane in aula ha contestato l'atto di accusa, definendo "ridicola" l'imputazione di coazione plurima. "Si tratta di uno stravolgimento dei fatti", ha affermato.
Ulrich e i suoi adepti attivi nella Svizzera romanda hanno creato "Appel au peuple" tredici anni fa con l'obiettivo di denunciare le "disfunzioni" della giustizia. Hanno da allora lottato per la riabilitazione di presunte "vittime della giustizia" e non si sono mai pentiti delle loro azioni.
Stando all'accusa, invece, Ulrich ha importunato a più riprese due giudici davanti alla sede del Tribunale federale di Losanna e campeggiando nei pressi delle loro abitazioni. Quale atto di protesta, il presidente di "Appel au peuple" ha pure condotto per diverse settimane uno sciopero della fame davanti a Mon Repos.
Ulrich ha inoltre insultato i giudici federali su volantini definendoli tra l'altro "truffatori", "bugiardi", "ratti federali (cambiando la parola tedesca "Bundesrat" - consigliere federale - in "Bundesratte"), nonché "affossatori dello Stato di diritto".
A causa di queste azioni, i magistrati hanno dovuto modificare la loro vita quotidiana e hanno persino temuto per la loro incolumità: "non sapevano fino a che punto si sarebbe spinto Ulrich", ha sostenuto Stadler nella sua requisitoria. Per questo, il procuratore federale ha chiesto una pena supplementare di 100 giorni. Per Ulrich, si tratterebbe della sesta condanna, visto che è già stato riconosciuto colpevole a cinque riprese da tribunali cantonali.
Non è ancora noto quando il giudice unico Miriam Forni pronuncerà la sentenza. Il processo davanti al TPF dovrebbe durare al massimo tre giorni.

SDA-ATS