Transocean, società attiva nel settore delle piattaforme petrolifere offshore e quotata alla Borsa svizzera, ha chiuso in via extragiudiziale due contenziosi in Brasile. Essi riguardavano due denunce per fuoriuscite di petrolio in mare avvenute nel novembre 2011 e nel marzo 2012.

Gli accordi non attribuiscono colpe a Transocean per quanto successo. Essi non comportano oneri finanziari, ha indicato nella notte tra martedì e mercoledì la società con centrale operativa negli USA, precisando che le intese devono ancora ottenere l'avallo di un tribunale.

Transocean lavorava in Brasile per la società petrolifera americana Chevron. Quest'ultima è invece tenuta a versare un risarcimento di 95,2 milioni di real (circa 39 milioni di franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.