Navigation

Tre giovani patentano congegno che impone rispetto limiti velocità

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2011 - 14:28
(Keystone-ATS)

Nell'ambito di un lavoro di maturità professionale tre giovani hanno sviluppato un dispositivo che impedisce tecnicamente alle auto di superare le velocità consentite.

Setomat - questo il nome del congegno - riconosce grazie a un sistema GPS se il veicolo si trova in una località, fuori dall'abitato o su un'autostrada e nel contempo tiene sotto controllo il tachimetro: se il conducente preme eccessivamente l'acceleratore Setomat agisce elettronicamente sul motore, impedendo all'auto di prendere velocità, informa oggi l'Istituto Paul Scherrer (PSI) di Villigen (AG).

Gli ideatori - due sono attivi al PSI, il terzo alla scuola universitaria professionale di Buchs (SG) - assicurano che Setomat rappresenta una precauzione contro i pirati della strada, ma non ostacola lo stile di guida dell'automobilista medio. Ad esempio il dispositivo, grazie a un elaborato software, non impedisce superamenti di velocità su brevi tratti, necessari per esempio in fase di sorpasso.

Setomat è stato nel frattempo brevettato, ha una sua pagina internet (www.setomat.ch) e ha risvegliato l'interesse di assicuratori e autorità. Il gruppo Axa ha infatti messo a disposizione un veicolo affinché i ricercatori possano affinare il loro prodotto, mentre gli specialisti dell'Ufficio federale delle strade si sono fatti spiegare il funzionamento del congegno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?