Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TUNISI - A 48 ore dalla precipitosa fuga dell'ex presidente tunisino Zine El Abidine Ben Ali i suoi pretoriani continuano a resistere e a scatenare violenze a Tunisi. Le truppe regolari hanno ucciso due cecchini appostati sul tetto di un edificio vicino alla Banca Centrale nel centro della capitale dove ci sono state sparatorie davanti alla sede del principale partito di opposizione, il Pdp.
La battaglia si è poi spostata nel sobborgo di Cartagine dove i soldati hanno circondato circa 1.000 fedelissimi di Ben Ali asserragliati nel quartier generale della Guardia Presidenziale.
Gli uomini dell'ex capo dei pretoriani, il generale Ali el Seriati già arrestato e sostituito, hanno ingaggiato violenti scontri con l'esercito, fedele al nuovo esecutivo provvisorio. Le truppe sono sostenute anche da elicotteri.
Il primo ministro tunisino, Mohammed Ghannouchi ha annunciato "tolleranza zero" contro chiunque minacci la sicurezza del Paese e ha confermato che domani sarà resa nota la composizione del nuovo esecutivo. Nel corso della giornata sono stati arrestati a Tunisi 4 tedeschi ed un francese che viaggiavano in possesso di armi di precisione su tre taxi

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS