Navigation

Tunisia: Costituente, sbarrata strada quadri partito Ben Ali

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 maggio 2011 - 18:47
(Keystone-ATS)

Il governo provvisorio tunisino ha oggi, di fatto, sbarrato la strada al ritorno alla vita politica degli esponenti del disciolto Rassemblement constitutionnel démocratique (Rcd), braccio politico del regime dell'ex presidente Ben Ali, ai quali sarà impedito di candidarsi all'Assemblea costituente, la cui elezione è prevista per il 24 luglio e che dovrà disegnare il futuro del Paese.

Il provvedimento (si tratta di un emendamento al decreto legge in fase di elaborazione) pone una serie di condizioni per l'eleggibilità passiva, cui potranno accedere tutti i cittadini che, alla data ufficiale della presentazione delle candidature, avranno compiuto i 23 anni.

Non si potranno candidare: coloro che hanno fatto parte dei governi di Ben Ali, ad eccezione di quelli che non avevano aderito all'Rcd; i quadri del disciolto partito (il "tetto" di responsabilità sarà quello individuato dall'Alta istanza per la realizzazione degli obiettivi della rivoluzione, l'organismo che sta, di fatto, tracciando il percorso della transizione); i personaggi che avevano, ufficialmente, chiesto a Ben Ali di ricandidarsi per le presidenziali del 2014.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.