Navigation

Tunisia: negata autorizzazione a partito islamico

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 marzo 2011 - 09:06
(Keystone-ATS)

Il ministero dell'Interno tunisino ha respinto le richiesta di autorizzazione alla costituzione di un partito confessionale, così come aveva già fatto nei giorni scorsi per altre formazioni politiche che si rifanno esplicitamente all'islam e ai suoi dettami. Questa volta, riferisce la Tap, è stato opposto il no ad attività politiche per il Partito dell'unità araba ed islamica. Stessa sorte hanno subito le richieste di riconoscimento proposte dal Partito per la libertà e la dignità, dal Parito della giustizia e dello sviluppo e dal Partito d'unicità e della riforma.

È stata invece autorizzata la costituzione di altri tre partiti (quello repubblicano, quello della Gioventù per la rivoluzione e la libertà e quelle della Dignità per la giustizia e lo sviluppo).

Dalla dissoluzione del regime di Ben Ali il numero dei partiti ufficialmente riconosciuti è salito a 37.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?