Navigation

UBS-USA: almeno cinque ricorsi a Strasburgo contro assistenza fisco

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 maggio 2011 - 17:11
(Keystone-ATS)

Almeno cinque clienti americani di UBS hanno ricorso contro la Svizzera davanti alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo per impedire il trasferimento dei loro dati bancari al fisco Usa nell'ambito dell'accordo di assistenza amministrativa stipulato fra Berna e Washington. Lo ha indicato all'ATS un portavoce dell'Amministrazione federale delle contribuzioni.

L'autorità non esclude però che siano pendenti altri casi. Finora comunque l'Ufficio federale di giustizia non ha ricevuto informazioni riguardo alle cause avviate e la corte non ha ancora chiesto alla Svizzera di prendere posizione.

Stando a quanto pubblicato a inizio mese dalla "Handelszeitung", le azioni sono incentrate sulla violazione del diritto alla sfera privata, sulla mancata osservanza dell'obbligo di parità di trattamento, nonché sull'applicazione - considerata illegale - dell'effetto retroattivo.

Intanto presso il Tribunale amministrativo federale sono ancora pendenti circa 90 procedimenti: entro ottobre dovrebbero tutti essere evasi, così come lo sono stati 430 analoghi ricorsi. In circa il 10% dei casi la corte ha respinto la domanda di assistenza amministrativa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?