Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - Il tasso di disoccupazione nella zona dell'euro ha raggiunto in febbraio il 10%, contro il 9,9% di gennaio. Nel febbraio 2009, il tasso era all'8,8%. Lo ha comunicato oggi l'ufficio di statistica europeo Eurostat, rilevando che tale dato rappresenta il picco record per i 16 paesi della moneta unica dall'agosto del 1998.
Nell'Unione europea, la disoccupazione a febbraio si è attestata al 9,6%, rispetto al 9,5% di gennaio. Nel febbraio 2009 era all'8,3%.
Eurostat stima che 23,019 milioni di uomini e donne nella Ue a 27, di cui 15,749 milioni nei 16 Paesi della moneta unica, erano senza lavoro in febbraio. Rispetto al mese di gennaio, i disoccupati sono cresciuti di 131 mila nella Ue-27 e di 61 mila nella zona dell'euro. Rispetto al febbraio 2009, i disoccupati sono aumentati di 3,139 milioni nella Ue-27 e di 1,844 milioni nella zona dell'euro.
Tra gli Stati membri, il tasso più basso di disoccupazione si registra in Olanda (4%) e Austria (6%), mentre quello più alto in Lettonia (21,7%) e in Spagna (19%). Rispetto ad un anno fa, tutti gli stati membri hanno perso posti di lavoro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS