Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel mese di gennaio l'inflazione nei Paesi che compongono l'area dell'euro si è attestata al 2,3%. In tutta l'Unione Europea invece, sempre in gennaio, l'inflazione è rimasta stabile al 2,7%. Lo rende noto l'ufficio europeo di statistica.

L'Eurostat nella sua precedente stima flash del 31 gennaio per l'area dell'euro ha indicato una crescita al 2,4%. In dicembre era stata del 2,2%, superando così la soglia del 2% per la prima volta dal novembre 2008.

I Paesi che hanno mostrato il tasso annuo più contenuto sono stati l'Irlanda (0,2%) e la Svezia (1,4%), mentre quello più alto è stato registrato in Romania (7,0%), Estonia (5,1%) e Grecia (4,9%). In Italia l'inflazione è stata dell'1,9%, così come in Francia, mentre in Germania è stata del 2% e in Spagna è salita al 3%.

Sull'aumento del tasso annuo d'inflazione, in gennaio, nell'area dell'euro, hanno inciso soprattutto gli aumenti nel settore dei trasporti (5,1%), della casa (4,5%), così come delle bevande alcoliche e del tabacco (3,7%). I combustibili liquidi sono aumentati dello 0,19% e l'elettricità dello 0,11%. Calo invece per l'abbigliamento (-0,6%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS