Navigation

Ungheria: fango tossico, produzione sospesa per irregolarità

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2010 - 17:19
(Keystone-ATS)

BUDAPEST - Circa un milione metri cubi di fango rosso corrosivo sono fuorusciti dal deposito all'aperto dell'impianto di produzione di alluminio presso Ajkai, nell' Ungheria occidentale, secondo i calcoli di esperti.
Il sottosegretario all'ambiente Zoltan Illes ha fatto sospendere la produzione dello stabilimento della società Mal, gestore del deposito, per sospette irregolarità.
Il materiale contenuto nel deposito era troppo. I lavori di riparazione dureranno mesi, il danno complessivo potrebbe aggirarsi sui dieci miliardi di fiorini (37 milioni di euro).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.