Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Uova alla diossina sono solo la punta dell'iceberg

BERLINO - Lo scandalo delle uova alla diossina che da giorni scuote la Germania è "solo la punta dell'iceberg" di un problema molto più diffuso: ne è convinto Thilo Bode, il direttore dell'associazione non governativa Foodwatch, che si batte per i diritti dei consumatori nel settore alimentare.
"Questa è solo la punta dell'iceberg", ha detto Bode nel corso di un'intervista all'agenzia stampa tedesca Dpa. "Circa l'80% di tutta l'esposizione della popolazione alla diossina, che secondo l'Organizzazione mondiale della sanità si colloca sui limiti superiori dei livelli ancora accettabili, avviene attraverso i mangimi", ha spiegato.
Bode ha ammesso che il problema è di difficile soluzione, ma ha puntato il dito contro il governo che - ha sottolineato - non fa abbastanza per proteggere i consumatori poiché ha più a cuore le sorti dei produttori di mangimi.
"Il governo federale segue una strategia esplicita per le esportazioni di prodotti a base di carne", ha sostenuto il direttore di Foodwatch. Per questo, ha proseguito, il governo "non ha alcun interesse" ad appesantire i produttori di mangimi con autocontrolli vincolanti più rigidi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.