Navigation

Usa: evasione fiscale, ex banchiere UBS si dichiara colpevole

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2010 - 10:36
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Un ex banchiere di UBS si è dichiarato colpevole in tribunale di istigazione all'evasione fiscale, ha annunciato ieri il ministero americano di giustizia. L'uomo, un cittadino svizzero di 44 anni, era stato arrestato in un albergo di Miami, dove si trovava per convincere un cliente a non dichiarare al fisco Usa un conto bancario presso la Banca cantonale di Basilea.
Stando ai documenti presentati dal tribunale il funzionario di banca aveva detto al suo interlocutore che al 99,9% non avrebbe mai avuto problemi, perché a suo avviso le probabilità che le autorità americane sarebbero riuscite a scoprire il conto tendevano praticamente a zero.
L'imputato è stato in forza all'UBS dal 1995 al 2008. La corte pronuncerà la sua sentenza il 10 marzo: la condanna può arrivare sino a cinque anni di prigione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?