Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - L'esplosione di una condotta di gas nella cittadina di San Bruno, a tre chilometri dall' aeroporto di San Francisco, in California, ha causato la morte di almeno quattro persone e il ferimento di una cinquantina (tre sono in condizioni critiche).
L'incendio seguito alla esplosione ha distrutto 45 case e danneggiato numerose altre dando vita al timore che il bilancio della sciagura possa essere molto più grave.
L'esplosione è avvenuta nel pomeriggio di giovedì, sotto forma di una palla di fuoco che ha investito numerose abitazioni seminando la devastazione sui un'area di sette ettari.
Oltre 200 vigili del fuoco sono intervenuti (quattro sono stati trasferiti in ospedale per le esalazioni di fumo) ma solo nelle prime ore di venerdì l'incendio è stato domato.
La condotta, che ha un diametro di 75 centimetri, è a circa un metro di profondità nel terreno. Nel punto dove è avvenuta è visibile adesso un grosso cratere. Alcuni abitanti di San Bruno avevano segnalato di avere sentito odore di gas nelle ore precedenti la sciagura.
Il timore delle squadre di soccorso è di trovare altre vittime nelle case divorate dalle fiamme. Il vicegovernatore della California, Abel Maldonato, ha dichiarato lo stato di emergenza nella Contea di San Mateo. Il governatore Arnold Schwarzenegger si trova in viaggio in Asia.
Il National Transportation Safety Board (Ntsb) ha inviato un team di quattro esperti per indagare sulle cause della esplosione di gas. Appare esclusa comunque la ipotesi di un attentato.
La cittadina di San Bruno occupa una una splendida posizione su una collina che offre una splendida vista sulla famosa baia di San Francisco.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS