Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una madre migliora i voti dei propri figli entrando nel sistema della scuola e ora rischia la galera. Lo ha fatto ripetutamente e, dopo essere stata arrestata e liberata con una cauzione di 30.000 dollari, rischia fino a 42 anni di prigione e una sanzione di 90.000 dollari.

La donna è entrata 110 volte nei computer della scuola Northwestern Lehigh School delle Pennsylvania, un distretto nel quale la donna aveva lavorato dal 2008 al 2011. Non sempre gli ingressi sono avvenuti per cambiare i voti, in diversi casi la donna si è limitata a leggere e-mail e accedere a libri.

"È accusata di aver migliorato i voti della figlia da 'F' a 'M' nel luglio 2010 e poi di aver alzato da 98 a 99 nel febbraio del 2012 il voto di suo figlio", riporta Abc, precisando che la donna ha usato lo username e la password di un suo superiore nel distretto in cui lavorava. Interrogata dalla polizia, la donna ha ammesso di aver alzato i voti dei figli e di aver usato la password del suo superiore per accedere alle mail e ai dati personali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS