Navigation

Verdi puntano a seggio in Consiglio federale

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 giugno 2011 - 14:26
(Keystone-ATS)

Prendendo spunto dal bilancio più che soddisfacente registrato nella legislatura 2007-2011, i Verdi intendono rafforzare la loro deputazione a Berna in occasione delle elezioni federali di ottobre. Dopo i buoni risultati ottenuti in particolare sul dossier nucleare, ritengono che sia ormai tempo di eleggere un ecologista in governo, accanto a due socialisti.

"Al termine di questi quattro anni siamo sorpresi di quanto le idee ambientaliste siano progredite", ha indicato oggi Antonio Hodgers, presidente del gruppo parlamentare, presentando il bilancio dell'ultima legislatura davanti alla stampa a Berna. Il partito si è inoltre ritrovato spesso a svolgere il ruolo di arbitro su tutta una serie di votazioni importanti.

Il successo ottenuto nel dossier nucleare non è però il solo che i Verdi possano celebrare. L'iniziativa per un clima sano, sottoscritta da 150'000 persone, è stata depositata dopo soli 9 mesi di raccolta firme, lanciando un segnale forte al parlamento. Un'altra vittoria ecologista è la proroga fino al 2013 della moratoria sugli ogm. In materia di politica sociale, il gruppo parlamentare è stato molto attivo per quanto riguarda la previdenza professionale e la 11ma revisione dell'AVS.

Questo bilancio positivo, ottenuto grazie a un gruppo parlamentare di 22 deputati al Nazionale e 2 agli Stati, è di buon augurio in vista delle elezioni federali, ha sottolineato il presidente dei Verdi Ueli Leuenberger. "Quest'autunno puntiamo ad aumentare il numero di seggi nella Camera del popolo e al raddoppio di quelli nella Camera dei cantoni", ha aggiunto.

Non va inoltre dimenticato il Consiglio federale. Dopo la mancata elezione di Brigit Wyss al posto di Hans-Rudolf Merz, lo scorso anno, il gruppo intende fare campagna per ottenere anche una poltrona di governo. "Siamo in favore della formula: 2 socialisti e 1 verde", ha spiegato Hodgers, precisando che gli ecologisti puntano a un seggio del PLR o dell'UDC.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?