Navigation

Weggis (LU): tragica gita in barca, ritrovato morto anche il padre

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 marzo 2010 - 21:01
(Keystone-ATS)

Weggis LU - La tragica gita in barca di venerdì scorso sul Lago dei Quattro cantoni ha fatto una seconda vittima: questa sera poco dopo le 18:00 è stato ritrovato morto anche il padre 41enne che si era gettato in acqua per salvare il figlio di 4 anni caduto da una barca all'altezza di Weggis (LU). I sommozzatori hanno ripescato il corpo dell'uomo a una profondità di 66 metri. Il bambino - in un primo tempo ricoverato in condizioni critiche in ospedale - è deceduto sabato sera.
Il corpo dell'uomo è stato localizzato oggi pomeriggio grazie a una telecamera subacquea installata sotto un battello della polizia lacuale, hanno indicato le forze dell'ordine. Con ogni probabilità la vittima è annegata cercando di salvare il figlioletto che al momento dell'incidente non indossava un salvagente. Un'inchiesta è tuttora in corso e sul corpo del 41enne sarà eseguita un'autopsia.
Secondo i primi accertamenti, i due erano partiti per una gita in barca da Küssnacht am Rigi (LU). All'altezza di Weggis, a circa 400 metri dalla riva, il piccolo è caduto in acqua. Il padre ha cercato di soccorrerlo, ma si è trovato in difficoltà. Alcuni testimoni hanno riferito che l'uomo ha chiamato aiuto, ma è scomparso poco dopo travolto dalle onde.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?