Navigation

Widmer-Schlumpf: contro iniziativa espulsione, per controprogetto

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2010 - 11:12
(Keystone-ATS)

Berna - La consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf ha avviato stamani la campagna in vista della votazione del 28 novembre relativa all'iniziativa popolare dell'UDC "per l'espulsione degli stranieri che commettono reati (Iniziativa espulsione)". Consiglio federale e parlamento chiedono a popolo e cantoni di respingerla e sostenere il controprogetto diretto, ha ricordato la ministra di giustizia e polizia.
La consigliera federale ha ricordato che l'iniziativa intende revocare automaticamente, indipendentemente dalla gravità del reato, il diritto di soggiorno agli stranieri che hanno commesso determinati reati o percepito abusivamente prestazioni sociali.
Sia l'iniziativa sia il controprogetto propongono norme vincolanti per la revoca del diritto di soggiorno dei criminali stranieri. Tuttavia - ha proseguito Eveline Widmer-Schlumpf - a differenza dell'iniziativa, il controprogetto del parlamento adotta quale criterio decisivo per la revoca del diritto di soggiorno la gravità del reato specifico e non si fonda su un elenco limitato di reati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?