Navigation

Wikileaks: Ecuador smentisce disponibilità asilo a Assange

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 dicembre 2010 - 07:12
(Keystone-ATS)

QUITO - Il presidente ecuadoriano Rafael Correa ha negato ieri sera che il suo governo sia disposto a dare asilo politico all'attivista australiano Julian Assange, fondatore di Wikileaks, come aveva invece annunciato il suo vicecancelliere Kintto Lucas.
"La dichiarazione di Lucas è stata a titolo personale: non ha avuto l'autorizzazione del cancelliere né del presidente", ha detto Correa ai media locali. Dei circa 250.000 nuovi documenti in mano a Wikileaks, sarebbero 1.600 quelli relativi all'Ecuador, che però non sono ancora stati resi pubblici dal sito web.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?