Navigation

Yemen: scontri a Sanaa e nel sud, almeno 20 feriti

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 marzo 2011 - 18:51
(Keystone-ATS)

Almeno venti yemeniti sono rimasti feriti oggi in scontri tra manifestanti anti-regime e giovani lealisti, fedeli al presidente Ali Abdallah Saleh, al potere da 32 anni. Lo riferiscono fonti mediche locali e testimoni oculari, mentre fonti dell'opposizione parlano di circa 80 feriti.

Le violenze più pesanti si sono verificate a Tàiz, 270 km a sud della capitale, dove la polizia è intervenuta con cariche e spari di gas lacrimogeni contro i due schieramenti, ferendo almeno 15 giovani.

A Sanaa, altri cinque manifestanti sono rimasti feriti in analoghi scontri nei pressi dell'accampamento delle opposizioni, nel centro cittadino, dove domenica scorsa decine di dimostranti anti-governativi erano rimasti a loro volta feriti da aggressioni di seguaci del Congresso popolare generale, il partito al potere. Almeno 150 invece erano stati i feriti in scontri tra forze dell'ordine e manifestanti nel porto occidentale di Hudayda.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?