Navigation

Zurigo: parlamento vota uscita dal nucleare entro 2034

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 marzo 2012 - 10:03
(Keystone-ATS)

La città di Zurigo dovrà abbandonare l'energia nucleare entro il 2034. La maggioranza del consiglio comunale, formata dal PS, dai Verdi e dai Verdi-liberali, ha deciso ieri sera di inserire questa data nel regolamento cittadino. Il centro-destra ha invano fatto opposizione.

La mozione rosso-verde è stata approvata con 66 voti a favore, 46 contrari e 4 astensioni. Nel 2008 i cittadini zurighesi avevano già approvato in votazione popolare il principio dell'uscita dal nucleare, ma senza fissare nessun termine.

Nel corso del dibattito, gli autori della mozione hanno sostenuto che l'uscita dal nucleare entro il 2034 è fattibile. Il fatto di fissare una data permette di avere una base giuridica solida per pianificare l'abbandono dell'energia nucleare e rappresenta inoltre un segnale verso il resto della Svizzera.

Il municipale Andres Türler (PLR) ha invece sottolineato che Zurigo non può seguire una via solitaria. L'uscita dal nucleare dev'essere coordinata con la Confederazione e la Città non può decidere da sola la chiusura delle centrali nucleari.

La Città di Zurigo Zurigo controlla attualmente il 15% della centrale nucleare di Gösgen (SO) ed ha una partecipazione del 20,5% in una società che fornisce all'azienda elettrica cittadina (ewz) corrente prodotta dalla centrale di Leibstadt (AG) e da diverse centrale nucleari francesi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?