Prospettive svizzere in 10 lingue

Abu Mazen, consultazioni per governo unità nazionale

(Keystone-ATS) Il presidente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp), Abu Mazen (Mahmud Abbas), ha annunciato ieri sera l’avvio di consultazioni per la formazione di un governo “di unità nazionale”, dopo la recente caduta di quello guidato dal premier uscente, Salam Fayyad, tecnocrate gradito all’Occidente in sella dal 2007.

L’annuncio è stato fatto da Ramallah dallo staff presidenziale dell’Anp, mentre Abu Mazen si trovava a Napoli per ricevere la cittadinanza onoraria del capoluogo campano (contestata dalla comunità ebraica locale) e da lì lanciava un appello a Israele a cogliere “la ghiotta occasione” di un accordo di pace con i palestinesi, sollecitato invano ancora in questi anni dall’amministrazione Usa di Barack Obama.

Il nuovo governo, secondo quanto riferito dall’agenzia ufficiale Wafa, dovrebbe suggellare una riconciliazione fra le maggiori fazioni palestinesi rivali, malgrado lo stallo fatto registrare negli ultimi mesi dai colloqui fra i laici di Al-Fatah (il partito dello stesso Abu Mazen) e gli islamici di Hamas (al potere nella Striscia di Gaza).

Le consultazioni verso l’auspicato esecutivo “di unità nazionale” rappresenta peraltro al momento solo un atto unilaterale del presidente, è stato ammesso a Ramallah. Da Gaza, il portavoce di Hamas, Sami Abu Zuhri, si è mostrato in effetti scettico, affermando che un tale governo potrà nascere solo da “una vera riconciliazione” e sottolineando l’assenza per ora di qualunque comunicazione concreta e diretta da parte della presidenza dell’Anp nei confronti del suo movimento.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR