Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il tempo delle maschere

Un'orgia di colori (foto Rabadan)

Dal 7 gennaio al 13 febbraio, ai quattro angoli della Svizzera italiana il carnevale impazza.

Quello di Bellinzona, il più noto del Ticino a livello nazionale, resta indubbiamente uno dei carnevali di maggior richiamo.

Secondo la tradizione il Carnevale bellinzonese nasce nel 1862 mentre il nome, Rabadan, risale al 1874. Ed è molto probabile, spiegano gli organizzatori, che lo spirito carnascialesco della popolazione sia legato alla storia dei suoi castelli, patrimonio dell’UNESCO.

Un’organizzazione collaudata



Da sempre, e le cifre lo dimostrano, i bellinzonesi – e generalmente tutti gli svizzero italiani - hanno un legame speciale con il Rabadan, frequentato da diversi anni anche dai vicini dell’Italia del Nord. Dal 1946, quando è stato introdotto il corteo mascherato, la manifestazione è continuata a crescere, a svilupparsi.

L’introduzione, nel 1996, del concetto di “Città del Carnevale” (completamente chiusa al traffico e accessibile acquistando il famoso “pin”) rappresenta un altro punto di svolta.

Quella del Rabadan è una vera e propria macchina organizzativa, strutturata e consolidata. Non potrebbe, del resto, essere altrimenti; basti pensare che la Società Rabadan gestisce un giro d'affari, comprese le manifestazioni collaterali, di circa 1 milione di franchi.

La satira in carrozza

Guggen, cortei, carri, balli in maschera, risottate: il programma dei grandi carnevali si assomiglia e si ripete, sostanzialmente, di anno in anno. Come una ruota che riprende il suo giro a scandire il tempo del Carnevale, del rovesciamento dei valori, della trasgressione. Così vuole la tradizione, che ogni tanto si concede delle novità.

A doversi rinnovare ogni anno sono invece i carri allegorici. L’edizione 2005 del corteo mascherato del Rabadan, in calendario domenica 6 febbraio, conta: 20 carri, 8 gruppi, 19 Guggen, di cui una in provenienza dalla Germania. Sempre generosa, come fonte di ispirazione per la satira, l’attualità della Svizzera italiana. E, in modo particolare, la politica e i politici.

Sbirciando tra le liste di partecipazione, emergono anche temi di carattere nazionale: la bocciatura delle naturalizzazioni, gli europei di calcio…”sputati”, l’abbassamento allo 0,5 per mille del tasso alcolemico consentito.

Alla ricerca del tema vincente

La concezione e la creazione di un carro richiedono tempo ed energie. Il gruppo di Airolo”Chi da Chiö” - che quest’anno si presenta ai cortei del Rabadan e di Nebiopoli (Carnevale di Chiasso) con il carro “Tessinertruppen in die Bernenfosse” – si è riunito già a partire dal mese di agosto.

“Il primo obiettivo – spiega a swissinfo Yusuf Balcilar dei “Chi da Chiö” – è la scelta del tema. Di solito si punta su soggetti di carattere nazionale o cantonale. E’ importante che la gente conosca, perlomeno a grandi linee, l’argomento su cui si imposta la satira”.

Per l’edizione 2005 del corteo mascherato il gruppo leventinese, che esiste da dieci anni, propone dunque un carro dedicato alle conseguenze dei tagli federali sulla caserma di Airolo.

La scelta del tema, che deve avere la qualità dell’immediatezza, richiede inoltre tempi brevi… per non farsi soffiare l’idea. “Si perché può capitare che un altro gruppo scelga lo stesso argomento. La decisione finale per l’iscrizione al corteo – osserva Balcilar – spetta comunque all’organizzazione del Rabadan”.

Il gruppo – una quarantina di persone - deve poi occuparsi della musica, della coreografia e dei costumi. La fatica della preparazione, ore e giorni di lavoro, è tuttavia ricompensata dal divertimento nell’allestire il carro, nel provare musiche e danze.

swissinfo, Françoise Gehring, Bellinzona

Fatti e cifre

Rabadan è un termine in dialetto piemontese che risale alle Crociate.
Diversi i suoi significati: baccano, fracasso, uomo mal ridotto.
Quest’anno i bagordi si tengono dal 3 all’8 febbraio.
Agli appuntamenti del sabato e la domenica si contano circa 30 mila partecipanti.

Fine della finestrella

In breve

Un’ottantina, complessivamente, gli appuntamenti del Carnevale nella Svizzera italiana tra gennaio e febbraio.

Ma i più importanti, dopo il Rabadan (3-8 febbraio), rimangono: il Nebiopoli a Chiasso (3-8 febbraio), il Carnevale di Tesserete (10-12 febbraio) e di Biasca (9-12 febbraio).

Fine della finestrella


Link

×