Prospettive svizzere in 10 lingue

NE: tempesta a La Chaux-de-Fonds, un morto e 40 feriti

Molte strade di La Chaux-de-Fonds sono state chiuse al traffico a causa della caduta di alberi. KEYSTONE/LAURENT MERLET sda-ats

(Keystone-ATS) Un temporale di rara violenza, con una raffica di una velocità persino stimata a 217 km/h, si è abbattuto su La Chaux-de-Fonds (NE) intorno alle 11.30 provocando un morto, una quarantina di feriti e danni ingenti.

Migliaia di edifici sono stati danneggiati, 200 dei quali nel solo quartiere di Le Crêt-du-Locle, all’estremità occidentale della città, dove hanno sede varie industrie, ha riferito questa sera in una conferenza stampa il sindaco Jean-Daniel Jeanneret. “Per il momento la situazione è sotto controllo”, ha comunque aggiunto. I feriti sono stati ricoverati in nosocomi del cantone. Nessuno di loro è in pericolo di morte.

È il crollo di una gru di un cantiere della sede principale della Posta nella città, vicinissima alla stazione, che ha provocato la morte di una persona, ha indicato un comunicato delle forze dell’ordine. La gru è caduta su un’auto, che ha poi preso fuoco.

Visti gli ingenti danni sia a livello urbano che nelle foreste circostanti, la polizia ha invita la popolazione a evitare la zona.

La tempesta non è durata a lungo, ma nella metropoli orologiera lo spettacolo è desolante. Ovunque vi sono veicoli danneggiati o completamente distrutti, tetti sono stati divelti, l’arredo urbano è stato spazzato via e decine di alberi sono stati sradicati o spezzati.

Il traffico ferroviario è paralizzato, con la cancellazione dei treni per Bienne (BE), Neuchâtel e Le Locle (NE). Alberi sono caduti sui binari in diversi punti. In un luogo sulla ferrovia è precipitato un traliccio dell’alta tensione. Per il momento non è possibile fare previsioni sul ripristino del traffico ferroviario, hanno indicato le FFS su Twitter.

La tempesta ha colpito pesantemente La Chaux-de-Fonds, ma ha attraversato tutte le cosiddette Montagne neocastellane, che designano la catena del Giura nel nord del Cantone. Su Twitter, il servizio meteorologico MeteoNews e l’Ufficio federale di meteorologia e climatologia (MeteoSvizzera) hanno fatto stato di una raffica di vento a 217 km/h misurata all’aeroporto cittadino di Eplatures, indicando che la misura deve ancora essere confermata.

A titolo di confronto, la tempesta Lothar, che ha raggiunto il suo apice in Svizzera il 26 dicembre 1999, ha registrato raffiche di vento fino a 249 km/h sullo Jungfraujoch (BE/VS, 3476 metri). In pianura, le raffiche hanno raggiunto i 140 km/h.

MeteoSvizzera aveva lanciato un avviso di temporali violenti per l’insieme dell’arco giurassiano.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR