Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Riprendono i voli di rimpatrio verso la Nigeria

Il clandestino morto all'aeroporto di Zurigo il 17 marzo poco prima del previsto rimpatrio verso la Nigeria è deceduto a causa di un grave problema cardiaco: lo ha reso noto lunedì il pubblico ministero del canton Zurigo.

Secondo l'autopsia, condotta dall'istituto di medicina legale dell'Università di Zurigo, l'uomo soffriva di un problema cardiaco di cui non si era a conoscenza e molto difficile da diagnosticare. La sua condizione era inoltre aggravata dallo sciopero della fame che stava conducendo e dallo stato di agitazione in cui si trovava.

Il pubblico ministero ha sottolineato che i risultati dell'autopsia sono stati consegnati agli avvocati dei parenti della vittima, i quali hanno deciso di continuare le azioni legali.

Il nigeriano si trovava in Svizzera senza permesso e sotto falso nome. Al momento del decesso stava per essere imbarcato su un volo speciale che lo avrebbe dovuto riportare a Lagos con altri 15 immigrati clandestini.

Dopo questa vicenda i voli speciali per i rimpatri forzati erano stati sospesi, ma già in maggio l'Ufficio federale della migrazione (UFM) aveva annunciato il loro progressivo ripristino, ma non per quelli verso la Nigeria.

L'UFM aveva analizzato la situazione unitamente ai cantoni e annunciato maggiori misure di sicurezza, fra cui una squadra medica a bordo dei velivoli e l'obbligo da parte degli stessi cantoni di trasmettere le informazioni mediche concernenti le persone trasportate.

swissinfo.ch e agenzie


Link

×