Iniezione letale per il rottweiler di Sciaffusa

Il rottweiler che ha gravemente ferito un bambino di quattro anni domenica scorsa a Sciaffusa è stato sottoposto ad eutanasia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 luglio 2009 - 15:07

Il rottweiler maschio di undici mesi che ha azzannato un bimbo che stava partecipando ad una grigliata col padre e due sorelle è stato soppresso mercoledì mattina, ha comunicato il veterinario cantonale di Sciaffusa.

Forse innervosito dalle urla dei bambini, il cane ha aggredito il più piccolo del gruppo ferendolo gravemente alla testa. Il bambino ha subito lunedì un'operazione di quattro ore; il suo viso non perderà i tratti, anche se porterà per sempre i segni dell'aggressione, ha indicato Patrick Caprez, portavoce della polizia cantonale.

Non si può inoltre escludere un'infezione legata ai batteri presenti nella bocca dell'animale.

Attualmente la regolamentazione sui cani pericolosi in Svizzera è fissata dai singoli cantoni. A Ginevra sono ad esempio proibite alcune razze da combattimento, mentre in Ticino chi possiede cani pericolosi necessita di un'autorizzazione e deve frequentare dei corsi. Anche Sciaffusa ha una normativa sui cosiddetti cani pericolosi, ma i rottweiler non sono inclusi nella lista.

L'incidente di Sciaffusa, che fa seguito a quello mortale di Oberglatt (dicembre 2005), ha riacceso il dibattito sui cani pericolosi. Il Consiglio degli Stati (camera alta del parlamento), ha dichiarato il "senatore" popolare democratico Theo Maissen, dovrebbe chinarsi sul progetto di legge sui cani pericolosi in dicembre.

Nel mese di giugno, l'altra camera del legislativo federale, il Consiglio Nazionale, aveva accolto con una stretta maggioranza un progetto di legge che non contempla però il divieto di certe razze.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo