UMTS: Swisscom brucia la concorrenza

Grazie alla rete UMTS, i due interlocutori potranno guardarsi negli occhi anche a distanza Keystone

Il più grande operatore nazionale propone al grande pubblico la telefonia mobile della terza generazione.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 novembre 2004 - 17:12

Anche gli altri concorrenti sono pronti, ma gli abbonati del gigante blu sono i primi a poter acquistare un apparecchio compatibile con il nuovo sistema.

Gli appassionati di televisione e di telefonia mobile possono rallegrarsi. Da oggi, tra una chiamata e l’altra, si potrà assistere ad una partita di calcio, seguire le ultime informazioni del telegiornale o gustarsi il video clip del musicista preferito.

E non è tutto. Gli utenti potranno comunicare con amici e colleghi non soltanto a voce, ma anche visivamente grazie alle “videochiamate”.

“Abbiamo compiuto un passo importante”, dichiara Carsten Schloter, responsabile di Swisscom Mobile, la divisione di telefonia mobile del maggiore operatore nazionale.

In prospettiva delle feste natalizie, Swisscom propone infatti alla sua clientela l’offerta UMTS (“Universal Mobile Telecommunications System”), la cosiddetta telefonia della terza generazione.

Televisione e videotelefonia

Grazie alla tecnologia che permette un’elevata velocità di trasmissione, gli abbonati del gigante blu - che sono i primi in Svizzera a poter comperare un apparecchio compatibile con l’innovativo sistema - potranno sintonizzarsi su una vasta scelta di canali televisivi (TSI 1 e 2, SF DRS 1 e 2, TSR 1 e 2, SF Info, Eurosport, TF1 e MTV).

E se l’interlocutore possiede lo stesso tipo di cellulare, si potrà chiacchierare “guardandosi negli occhi”, grazie all’immagine in diretta che appare sullo schermo. Basta connettersi alla nuova rete UMTS, che copre il 90% del territorio.

“Entro la fine dell’anno, contiamo di assicurarci 20'000 clienti”, afferma Schloter, che cifra a oltre 100 milioni di franchi l’ammontare dell’investimento.

Concorrenti preparati

Gli altri operatori non stanno certo a guardare e si dicono pronti a sfruttare la nuova tecnologia.

Orange ha optato per una introduzione a tappe dei servizi UMTS. La filiale di France Télécom si concentrerà in un primo tempo sui clienti professionali della regione di Zurigo.

Entro la fine del 2004, la rete della telefonia mobile della terza generazione coprirà oltre il 50% della popolazione elvetica.

L'anno prossimo, il lancio dell'UMTS proseguirà in altre città e regioni anche con servizi per la clientela privata.

Sunrise dovrebbe dal canto suo raggiungere una copertura del 50% del territorio nel corso del 2005.

Una vasta offerta

La connessione ai canali televisivi di SSR SRG idée Suisse e a quelli stranieri, costerà agli abbonati di Swisscom tra i 4 e i 12 franchi, a dipendenza della durata del collegamento.

Per quel che concerne i video clip, l’offerta iniziale comprende 100 film di vario genere (erotico, sport, musica, cartoni animati). Il prezzo varierà secondo la categoria tra i 50 centesimi e i 6 franchi.

“I filmati erotici non saranno però disponibili per i clienti più giovani”, precisa Carsten Schloter.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

6'189 milioni i clienti della telefonia mobile a fine 2003.
3,9 miliardi le chiamate effettuate l’anno scorso.
5,1 miliardi di minuti il totale delle telefonate.
1 minuto e 30 secondi la durata media di una comunicazione.

End of insertion

In breve

La tecnologia UMTS, che utilizza una rete parallela a quella GSM, è criticata da alcuni medici e dai settori a protezione dei consumatori.

Uno studio condotto in Olanda ha evidenziato che l’irradiamento UMTS è più dannoso di quello GSM.

La Fondazione di ricerca nella comunicazione mobile del Politecnico federale di Zurigo sta attualmente conducendo un’indagine a questo proposito.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo