Prospettive svizzere in 10 lingue

Aerei militari atterrano sull’autostrada

aerei
Due F/A-18 sull'A1 a Payerne. Keystone / Peter Schneider

Quattro caccia F/A-18 si sono posati sull'asfalto dell'A1 a Payerne (Canton Vaud) nell'ambito di un'esercitazione militare che non veniva più effettuata dai tempi della Guerra Fredda.

Mercoledì è scattato “Alpha Uno”, lo spettacolare addestramento delle forze aeree svizzere che coinvolge le infrastrutture civili, dopo una pausa di oltre 30 anni. L’ultima operazione di questo tipo si era svolta nel 1991 a sud delle Alpi, nei pressi di Lodrino (Ticino).

Partito dall’aeroporto militare di Payerne, il primo F/A-18 è atterrato alle 09:58. Circa 20 minuti dopo, in seguito al controllo della pista, gli altri tre si sono posati in successione sull’A1. Gli apparecchi sono quindi decollati dall’autostrada, trasformata per l’occasione in un aerodromo militare.

Per consentire il test, l’autostrada tra Payerne e Avenches è stata chiusa da martedì sera a giovedì mattina e sottoposta ad alcune modifiche temporanee: il guardrail centrale è stato rimosso e sulla carreggiata è stata applicata una segnaletica speciale.

I motivi della scelta di Payerne

Questo tratto dell’A1, che al momento della sua costruzione nel 1995 era stato predisposto per accogliere in caso di necessità gli aerei da combattimento, è stato scelto dai vertici dell’esercito per il suo collegamento diretto con l’aeroporto di Payerne.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

Inoltre, il volume di traffico è inferiore a quello di altre tratte autostradali e c’è la possibilità di organizzare percorsi alternativi.

Fonti del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) hanno precisato che non si tratta di una manifestazione pubblica, ma di un evento strettamente militare cui assistono anche 300 ospiti – 150 al mattino e 150 al pomeriggio – tra cui media, osservatori e visitatrici.

Numero di partecipanti non dichiarato

Il numero di militari che partecipano all’esercitazione non è stato invece reso noto per motivi di sicurezza operativa (lo spazio aereo sopra il sito di prova viene sorvegliato dalla torre di controllo dell’aeroporto militare e i droni sono interdetti).

Il Governo federale aveva autorizzato l’operazione alla fine di gennaio. Secondo il DDPS, questa esercitazione è necessaria poiché attualmente tutti i mezzi delle Forze aeree sono concentrati in soli tre aerodromi militari – Payerne (Vaud), Meiringen (Berna) ed Emmen (Lucerna) -, fatto questo che li rende vulnerabili ai sistemi d’arma avversari a lunga gittata.

Per questo motivo sono state testate alternative a livello operativo nell’eventualità che non siano disponibili i tre aeroporti citati.

Non mancano le polemiche

Subito dopo i primi atterraggi il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE), in un comunicato, ha criticato aspramente l’esercitazione. L’esercito, sostiene l’organizzazione, dovrebbe in futuro astenersi dal pianificare questo tipo di eventi, ritenuti “inutili” e “che sprecano risorse”.

I politici, insiste il GSsE, dovrebbero orientarsi verso un’analisi obiettiva delle minacce, invece di sprecare miliardi delle e dei contribuenti in scenari di minaccia del tutto irrealistici.

Il GSsE ha chiesto per contro di prestare maggiore attenzione ai rischi imminenti reali, come la crisi climatica o la protezione contro le catastrofi.

Articoli più popolari

I più discussi

Attualità

persona anziana con gli sci

Altri sviluppi

Sylvain Saudan, “Sciatore dell’impossibile”, è morto a 87 anni 

Questo contenuto è stato pubblicato al Pochi avrebbero scommesso che Sylvain Saudan, pioniere dello sci estremo, sarebbe morto nella tranquillità di casa sua in tarda età. Eppure, è ciò che è successo lo scorso 14 luglio.

Di più Sylvain Saudan, “Sciatore dell’impossibile”, è morto a 87 anni 
Trump

Altri sviluppi

Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito all'attentato a Donald Trump avvenuto nel corso di un comizio e nel quale l'ex presidente statunitense è stato leggermente ferito a un orecchio, la politica elvetica ha reagito. La presidente Viola Amherd si è detta "scioccata".

Di più Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Altri sviluppi

Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne

Questo contenuto è stato pubblicato al In tutta la Svizzera le donne sono scese oggi in piazza: in diverse città le associazioni femministe hanno chiamato a manifestare per affermare i propri diritti. Gli eventi in programma per lo sciopero erano numerosi.

Di più Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne

Altri sviluppi

CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera deve essere liberata dalla piaga del razzismo e dell'antisemitismo, che trascende le frontiere sociali e partitiche, lanciando un piano d'azione nazionale contro questi fenomeni.

Di più CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Altri sviluppi

CSt: quasi un miliardo per la cultura

Questo contenuto è stato pubblicato al Per il periodo 2025-2028, il settore della cultura dovrebbe beneficiare di un budget di quasi 990 milioni di franchi.

Di più CSt: quasi un miliardo per la cultura

Altri sviluppi

GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Questo contenuto è stato pubblicato al A Ginevra l'ex consigliera di Stato ecologista Fabienne Fischer ha utilizzato risorse pubbliche per la sua campagna elettorale del 2023: è la conclusione cui è giunta la Commissione di controllo e di gestione del Gran Consiglio resa pubblica oggi.

Di più GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Altri sviluppi

Borsa svizzera: apre in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato al La borsa svizzera apre in ribasso la seconda seduta della settimana: poco dopo le 09.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 11'997,45 punti, in flessione dello 0,08% rispetto a ieri.

Di più Borsa svizzera: apre in ribasso

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR