Navigation

Coronavirus: Svizzera fragile, responsabili ricerca e innovazione

L'industria farmaceutica trascura le malattie infettive (immagine simbolica). KEYSTONE/AP/Charles Atiki Lomodong sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 luglio 2020 - 12:09
(Keystone-ATS)

La crisi sanitaria ed economica della pandemia Covid-19 ha rilevato grossi punti deboli del "sistema Svizzera".

I "capi" della ricerca fondamentale pubblica e dell'innovazione nel settore privato elvetiche concordano su almeno due di essi: il disinteresse dell'industria farmaceutica per le malattie infettive e un grosso ritardo nella digitalizzazione in tutti i settori.

Il quotidiano romando Le Temps ha voluto tastare il polso, per un primo bilancio della crisi, ai due principali dirigenti di organizzazioni di ricerca in Svizzera. Nella sua edizione odierna pubblica un'intervista-confronto tra Matthias Egger, direttore del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica (FNS), e André Kudelski, che presiede ai destini di Innosuisse, l'Agenzia svizzera per la promozione dell'innovazione.

FNS e Innosuisse, entrambi dotati di fondi pubblici, hanno missioni e funzionamenti diversi. Il primo finanzia prioritariamente ricerca squisitamente accademica, la seconda progetti che sono frutto di collaborazione tra imprese private ed enti pubblici di ricerca, come le università, le scuole universitarie professionali e i politecnici.

Ricerca accademica versus R&S delle imprese

Tramite la presidenza di Innosuisse di fatto Kudelski, che dirige anche la multinazionale tecnologica che porta il suo nome, con sedi a Cheseaux (VD) e Phoenix (Arizona, Usa), controlla il sostegno dello Stato federale al settore ricerca e sviluppo (R&S) delle imprese elvetiche.

Egger è più noto al pubblico per il suo ruolo di presidente della Task Force Covid-19 della Confederazione, che ha lui stesso costituito. L'epidemiologo bernese si è fatto conoscere per la libertà di tono che si è concesso criticando le decisioni di allentamento del semiconfinamento da parte del Consiglio federale. Questi dissapori lo hanno del resto indotto a lasciare la guida del gruppo di esperti, con effetto al 31 luglio. Rimarrà comunque membro dell'unità.

L'industria trascura le malattie infettive

Il diverso profilo dei due "capi" della ricerca elvetica si traduce in giudizi diversi sulla gestione della crisi del coronavirus da parte della Svizzera, con Kudelski più indulgente nei confronti delle autorità politiche. Ma alcune pecche di fondo sono riconosciute da entrambi.

"In generale, le malattie infettive hanno perso l'interesse dell'industria farmaceutica", deplora Egger, che spiega: "È vero che i margini sui vaccini non sono molto elevati. Quindi conviene sviluppare un medicamento anticancerogeno per i paesi ricchi". "Visti gli enormi investimenti necessari, il settore si è effettivamente orientato verso ambiti più prevedibili", gli fa eco Kudelski.

Digitalizzazione: cambiare paradigma

L'imprenditore vodese denuncia anche il ritardo nella digitalizzazione. "Stiamo vivendo uno sconvolgimento tecnologico profondo. In generale non ci si è ancora resi conto che non si tratta semplicemente di convertire un'attività analogica in digitale, ma che è il modo di concepire le cose che bisogna cambiare 'pensando in modo digitale'".

Kudelski fa un po' di autocelebrazione, ricordando un progetto sviluppato in joint venture con il distributore bernese di medicinali e dispositivi medici Galenica già alla fine degli anni 1990: un dossier elettronico dei pazienti con standard di sicurezza elevati, mai adottato però dal mercato.

Con Egger, che fa altri esempi, la sintonia è totale. "Dovremo istituire un sistema di sorveglianza delle malattie infettive rilevanti che integri le informazioni cliniche e biologiche in tempo reale, ma anche un sistema digitale ed efficace per il tracciamento dei contatti. Nella ricerca clinica dovremmo poter reclutare rapidamente persone in uno studio e ottenere il loro consenso per via digitale, ciò che non è ancora possibile".

SwissCovid: scienziati latitanti su informazione

Quanto alle reticenze della popolazione nei confronti di SwissCovid, l'applicazione ufficiale di tracciamento dei contatti della Svizzera, Egger fa anche mea culpa. "Neanche noi scienziati siamo stati bravi quando si è trattato di rassicurare la popolazione sulla questione della protezione dei dati".

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.