Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Congiuntura Pesante calo per il commercio al dettaglio

Di

Non si arresta il calo delle vendite nei negozi svizzeri, che anzi vedono accentuarsi il movimento negativo: in giugno il giro d'affari del commercio al dettaglio è diminuito del 4,6% in termini nominali rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. Si tratta del 18esimo arretramento mensile consecutivo e della flessione più consistente registrata dal gennaio 2003. 

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In termini reali, vale a dire tenendo conto delle correzioni apportate per compensare i diversi giorni di vendita e le festività, la diminuzione si attesta al 3,9%, comunica oggi l'Ufficio federale di statistica (UST). Nel confronto con maggio e in base a dati destagionalizzati si è assistito a una contrazione dello 0,5% (reale). 

La fase di calo del fatturato nel commercio al dettaglio non è ancora finita, prevede l’istituto di ricerche economiche Bakbasel, che pronostica un arretramento delle vendite dello 0,8% per l'insieme del 2016. A pesare sulla dinamica del settore sono la situazione congiunturale tesa, la meteo di primavera e la concorrenza internazionale.

swissinfo.ch

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×