Perché le donne in Svizzera sono confinate nel part-time

Il mercato del lavoro elvetico è uno con le maggiori disparità fra i generi nel confronto europeo. Keystone

Sei donne attive professionalmente su dieci in Svizzera lavorano a tempo parziale. Un tasso che è quasi un record in Europa, legato alle difficoltà di conciliare vita professionale e familiare e alla divisione molto tradizionale dei ruoli tra i sessi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2018 - 08:29

La carenza di manodopera preoccupa sempre più le aziende svizzere. Nei prossimi dieci anni, quasi un milione di persone andrà in pensione in Svizzera, mentre solo mezzo milione entrerà nel mercato del lavoro, secondo le stime dell'Unione svizzera degli imprenditori (USI).

Per rimediare a ciò, il presidente dell'USI Valentin Vogt ritiene che le donne attive professionalmente dovrebbero aumentare il tempo di lavoro oltre il 60%. "Il problema non è creare nuovi posti di lavoro a tempo parziale, ma fare in modo che le donne che lavorano aumentino il loro tasso di attività", ha detto in un'intervista pubblicata alla metà di novembre da diversi quotidiani svizzeri tedeschi.

La Svizzera è uno dei paesi in Europa in cui la proporzione di donne che esercitano un'attività lucrativa (più dell'80%) è tra le più elevate. Ma è anche al secondo posto, alle spalle dell'Olanda, nella classifica per quanto riguarda la prevalenza del tempo parziale femminile.

Contenuto esterno

I tassi di occupazione in genere oscillano tra il 30 e il 60%. La metà delle donne con figli che esercita un'attività professionale, ha un tasso inferiore al 50%. Le ragioni principali sono dei salari elevati  che consentono una maggiore libertà di scelta e, soprattutto, le ben note difficoltà nel conciliare lavoro e famiglia.

"Nonostante le misure adottate negli ultimi anni, le strutture di accoglienza per l'infanzia sono ancora troppo poche e troppo costose. In termini finanziari, per molte madri, non vale sempre la pena lavorare di più ", sottolinea Irenka Krone-Germann, direttrice dell'associazione Part-Time Optimization e cofondatrice di We Jobshare Sàrl.

Parallelalmente, il divario tra uomini e donne (oltre 40 punti) che esercitano un'attività lucrativa a tempo parziale è uno dei più grandi al mondo. "La Svizzera è un paese estremamente conservatore sulla ripartizione dei compiti tra i membri della coppia", afferma Irenka Krone-Germann.

Contenuto esterno

Certo, sempre più uomini (17,5%) optano per il lavoro a tempo parziale, ma spesso la custodia dei figli non è il primo motivo di questa scelta. Gli uomini "lo fanno principalmente per seguire una formazione o praticare degli hobby, riducendo il loro tasso di attività al massimo del 20%. I motivi familiari vengono dopo, mentre sono ampiamente in testa fra le donne", osserva Irenka Krone-Germann.

Uno studio dell'Ufficio federale di statistica pubblicato quest'estate ha anche dimostrato che la proporzione di uomini che lavorano part-time diminuisce con l'arrivo di un figlio.

Le disparità di genere sono tali che, secondo The Economist, il mercato del lavoro svizzero è uno dei più discriminatori in Europa. L'indice del soffitto di cristallo pubblicato all'inizio di quest'anno dalla rivista britannica classifica la Svizzera al 26° posto su 29 nella classifica dei paesi più favorevoli all'attività professionale delle donne.

Tra i dieci criteri presi in considerazione dall'Economist, la Svizzera riceve voti particolarmente negativi riguardo al costo delle strutture per l'infanzia e alla durata del congedo concesso a ciascun genitore dopo la nascita di un figlio. Penalizzano inoltre la Svizzera in questa graduatoria, la bassa percentuale di donne nei consigli di amministrazione e l'ampio divario di genere nell'accesso agli studi superiori.

Necessarie altre forme di organizzazione

Per Irenka Krone-Germann, autrice di una tesi di dottorato sul lavoro part-time in Svizzera, oggi è essenziale promuovere nuove forme di lavoro innovative nelle aziende, come il jobsharing e il topsharing, e non solo incoraggiare le donne a lavorare di più. "Le aziende dovrebbero offrire ai propri dipendenti, sia donne che uomini, l'opportunità di fare carriera lavorando a tempo parziale. La divisione del posto costituisce un ottimo mezzo per mantenere i talenti sul mercato del lavoro", sostiene.

End of insertion

Potete contattare l’autore dell'articolo su Twitter: @samueljaberg

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo