Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Record di litigi fra clienti e banche

Le banche svizzere non hanno grattacapi solo con le autorità fiscali di altri paesi, ma devono anche far fronte a un'ondata di contestazioni dei clienti. Il 2009 è stato ancora un anno da primato per l'ombudsman delle banche svizzere, sommerso dalle richieste di clienti preoccupati.

Il mediatore l'anno scorso ha ricevuto 4757 domande di chiarimenti, contro le 4163 del 2008. Un record assoluto dall'istituzione di questo servizio. Se in tempi normali riceviamo una trentina di richieste alla settimana, nel periodo delle crisi sono state tra le 140 e le 160, ha indicato lo stesso ombudsman Hanspeter Häni, martedì in una conferenza stampa a Zurigo.

In particolare c'è stato un vero e proprio boom delle consultazioni su Internet. Sul sito dell'ombudsman l'anno scorso sono state registrate 223'900 visite, ossia il 72% in più del 2008. È inoltre aumentata anche la durata media di consultazione, progredita da 9 minuti nel 2008, "che era già molto", a 10,53 minuti nel 2009. Molti internauti hanno scaricato le liste di controllo e i formulari.

Come già nel 2008, l'aumento del numero delle segnalazioni e delle richieste di intervento è dovuta in parte alle ripercussioni del fallimento della banca americana Lehman Brothers e dell'islandese Kaupthing. Oltre tremila investitori hanno richiesto l'intervento del mediatore, ha precisato Häni.

I tempi per l'esame dei casi si sono allungati in modo considerevole: oberate dalle domande, le banche hanno impiegato più tempo che in passato per rispondere.

D'altra parte, la collaborazione con gli istituti di credito non è sempre stata priva di difficoltà. Qualche banca "si è intestardita nel proporre soluzioni globali, disdegnando il trattamento individuale dei casi", ha deplorato il mediatore. Tale atteggiamento non risponde alle attese della clientela e neppure dell'ombudsman, che "si preoccupa di ottenere una soluzione equa, chiara e comprensibile per il cliente".

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×