Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Utile 2009 in calo per Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha chiuso il 2009 con un utile netto di 8,5 miliardi di franchi, in calo del 22 percento rispetto all’anno precedente. Colpevole di questa flessione, è stata l’integrazione della filiale statunitense Genetech.

Il fatturato è aumentato dell’8 percento, attestandosi a 49,1 miliardi di franchi, si legge in un nota diramata mercoledì. Inoltre, sia la divisione Pharma, sia la Diagnostics hanno guadagnato posizioni sul mercato.

«Malgrado un contesto economico difficile, Roche ha realizzato un’eccellente performance. Le vendite delle due divisioni sono progredite a un ritmo molto più sostenuto rispetto al mercato», ha commentato il presidente della direzione Severin Schwan.

L’utile nella divisione Pharma è aumentato dell’8 percento a 39 miliardi di franchi grazie anche all’ottima vendita di medicamenti contro il cancro. Pure la richiesta del farmaco Tamiflu è stata elevata nel corso dell’anno passato.

Per il 2010, il gruppo farmaceutico prevede un diminuzione delle vendite di questo antivirale contro l’influenza A: si passerà da 3,2 miliardi nel 2009 a 1,2 miliardi di franchi nel 2010.

In seno al Consiglio di amministrazione ci saranno prossimamente dei cambi. Infatti, il presidente del CdA di Nestlé Peter Brabeck e il tedesco Horst Teltschik non si candideranno per un ulteriore mandato.

In occasione dell’assemblea generale del 2 marzo, gli azionisti saranno chiamati ad esprimersi sul versamento di un dividendo di 6 franchi per azione. Si tratta del 23esimo rialzo consecutivo, precisa la Roche.


swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.