Navigation

Voto senza ostacoli

Sébastien Martone (a sinistra) discute dei temi in votazione con sua madre Marylou e suo fratello Sam. Eva Hirschi

Il 7 marzo, per la prima volta, le persone con gravi disabilità mentali o psichiche potranno votare nel cantone di Ginevra. Non è facile per il 25enne autistico Sébastien Martone - ma è importante.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2021 - 12:30
Eva Hirschi

Sébastien Martone non riesce ancora a dare un senso ai documenti di voto che si trovano davanti a lui sul tavolo del soggiorno di Chêne-Bougeries. Il voto è troppo astratto per il 25enne autistico di Ginevra.

Non c'è da stupirsi, fino a poco tempo fa non era neppure un tema per lui, perché Sébastien Martone e altre persone sottoposte a curatela generale erano comunque escluse dal diritto di voto e di elezione, come avviene ancora a livello federale.

Nel cantone di Ginevra, sono ora autorizzati ad avere voce in capitolo nelle decisioni politiche, come deciso dalla popolazione nel novembre 2020 con il 75% dei voti. Circa 1200 persone potranno ora dire la loro - anche se solo a livello comunale e cantonale.

Nessuna partecipazione a livello nazionale

"Diritti parziali" c'è quindi scritto sui documenti di voto di Sébastien. La madre Marylou Martone lo aiuta a smistare le carte e le buste. Nella metà superiore della scheda elettorale, dove si trovano i temi in votazione a livello federale, le caselle di risposta SI e NO sono oscurate - a differenza di quelle nella scheda di suo fratello Sam, 28 anni, che non ha disabilità e gode quindi del diritto di voto completo. Tuttavia, Sébastien Martone è contento di poter votare per la prima volta il 7 marzo, almeno a livello cantonale: "Sono come tutti gli altri!".

Questo è anche il punto di vista della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, che la Svizzera ha ratificato nel 2014. Le organizzazioni per la disabilità come Inclusion Handicap o Insieme Svizzera si battono per l'applicazione di questa convenzione.

"Ma questo da solo non basta. Sono necessarie misure di accompagnamento affinché questi diritti possano essere effettivamente conquistati", dice Jérôme Laederach, amministratore delegato della Fondation Ensemble e presidente di INSOS Ginevra, la federazione dei fornitori di servizi per le persone con disabilità. I primi progetti sono già in corso: le case di riposo hanno organizzato corsi sui diritti civili, il municipio di Ginevra ha offerto visite guidate e Insieme Svizzera ha pubblicato una guida elettorale in un linguaggio semplice per le elezioni federali del 2019.

Anche Sébastien Martone lo troverebbe utile. Conosce i nomi dei candidati alle elezioni suppletive del Consiglio di Stato dai manifesti elettorali nelle strade, che legge sempre con attenzione. Ma non sa per chi votare. Martone trova complicate anche le questioni su cui si vota. Legge: "Accettate la legge sull'indennizzo della perdita di reddito in relazione alle misure di lotta contro il coronavirus del 25 giugno 2020?"

Sua madre cerca di spiegare di cosa si tratta. Per lei è importante che suo figlio abbia questo nuovo diritto, anche se è più interessato alla protezione degli animali e dell'ambiente che alla politica economica e alle questioni fiscali. "Sono orgoglioso che anche Sébastien possa ora votare. Anche se questa volta dovesse lasciare la scheda vuota – anche questo è un suo diritto". Dopotutto, dice, l'affluenza alle urne è bassa anche nel resto della popolazione.

Un grande cuore non basta

Marylou Martone ha sperimentato in prima persona l'importanza della politica e dei diritti fin dalla diagnosi di Sébastien, quando aveva tre anni e mezzo e ha sentito per la prima volta la parola "autismo" dallo psichiatra infantile. Quello che seguì fu una lotta per i suoi diritti, per un posto in una scuola, per un sostegno. "Non basta avere un cuore grande", dice la madre. Perché anche se Sébastien ha fatto molti progressi negli ultimi anni e può fare molte cose autonomamente - non può vivere completamente da solo.

"Ho anche partecipato a manifestazioni per i diritti di mio figlio", dice Marylou Martone. Vuole trasmettere questa consapevolezza politica a suo figlio e informarlo sui temi in votazione nel modo più neutrale possibile.

Capisce la critica di chi teme che le persone con disabilità possano essere influenzate da parenti o tutori quando votano, "ma non può succedere anche in altre famiglie?" Jérôme Laederach è d'accordo. Un influsso non può mai essere escluso. Ma prima di tutto, dice, si tratta di uguaglianza. "Anche se le persone con una disabilità molto grave non saranno in grado di votare, dovrebbero almeno avere gli stessi diritti", dice Laederach.

Dopo tutto, prosegue, anche se pochissime persone con disabilità parteciperanno effettivamente al voto del 7 marzo, questo non toglie nulla ai benefici di tale diritto. Lo vede molto più come un'opportunità per aumentare la consapevolezza - e migliorare la società. "Piuttosto che avere una persona che non vota perché non capisce la legge, sarebbe meglio fare il possibile per rendere la legge comprensibile a tutti". Laederach è convinto che questo alla fine andrebbe a beneficio di altre persone che hanno difficoltà a votare.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.