Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Strategia energetica Sostegno alle centrali idroelettriche in difficoltà

La strategia energetica 2050 della Svizzera, che prevede l’abbandono graduale del nucleare, non può prescindere dal settore idroelettrico. È il parere della camera alta del parlamento, che ha deciso di aiutare le centrali in difficoltà economiche.

Il sostegno al settore idroelettrico è cruciale per realizzare la svolta energeticaLink esterno verso fonti di produzione pulite. Ne è convinto il Consiglio degli stati, la cui maggioranza ha deciso martedì che i grandi impianti dovrebbero essere sostenuti finanziariamente in caso di assoluta necessità se, per ragioni economiche, la loro esistenza è minacciata a lungo termine.

Tale sostegno verrebbe concesso caso per caso e solo per gli impianti che producono oltre 10MW. Gestori e proprietari verrebbero chiamati a partecipare, come anche i cantoni, i quali dovrebbero abbassare il canone per i diritti d'acqua.

La camera alta del parlamento ha poi deciso di sostenere - includendole nel sistema di rimunerazione per l'immissione di elettricità (RICLink esterno) - le piccole centrali idroelettriche con una potenza compresa tra 300 kW e i 10 MW (10'000 kW).

In Svizzera ci sono attualmente poco più di 500 centrali con una potenza superiore a 300 kW, e 179 con una potenza uguale o superiore a 10 MW.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG del 22.09.2015)

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×