Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

La Svizzera prediletta dai suoi vicini

La maggioranza degli abitanti delle regioni limitrofe della Svizzera desidererebbero essere annessi alla Confederazione. Lo dice un sondaggio del settimanale Weltwoche effettuato nelle regioni del Baden-Württemberg (Germania), del Vorarlberg (Austria), della Savoia/Alta Savoia (Francia) e di Como/Varese.

Stando all'inchiesta realizzata su 1791 persone dall'Istituto SwissOpinion su richiesta della Weltwoche, l'idea di secessione conquista la maggior parte delle popolazioni delle regioni interessate.

Nel Vorarlberg, il 52% delle persone intervistate sostiene l'idea di aderire alla Svizzera (35% i contrari). La proporzione dei favorevoli è del 48% nella Savoia e Alta Savoia (39% contrari) e nel Baden-Württemberg (40% contrari).

Tra gli abitanti della zona di Como e Varese la percentuale dei "secessionisti" è del 52%, mentre il 44% si oppone all'opzione elvetica.

I più aperti ad un avvicinamento alla Svizzera sono i giovani, rileva il sondaggio pubblicato mercoledì dalla Weltwoche. In generale, le persone politicamente di destra sono piuttosto favorevoli alla secessione, mentre gli anziani e i simpatizzanti di sinistra sono più reticenti.

Gli argomenti principali in favore della Svizzera sono la democrazia diretta, il sistema economico liberale e il regime fiscale.

Il sondaggio fa seguito a una mozione depositata nel mese di marzo dal deputato dell'Unione democratica di centro (destra nazional conservatrice) Dominique Baettig, che chiedeva al governo svizzero di proporre un quadro costituzionale e legale che preveda d'integrare, in qualità di nuovo cantone svizzero, una regione limitrofa interessata.

Nella sua risposta, il Consiglio federale ha respinto quello che ha definito «un atto politico ostile» che gli Stati vicini potrebbero considerare «provocatorio».

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza