Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Sviluppo economico Ginevra deve lottare per attirare aziende e personale?

vista aerea su Ginevra e il suo lago con il famoso getto d'acqua.

Circa 130 multinazionali hanno attualmente una sede a Ginevra.

(© Keystone / Leandre Duggan)

Diverse multinazionali statunitensi e giapponesi hanno recentemente annunciato un ridimensionamento a Ginevra. Rientra in una tendenza più ampia che riflette l'attuale clima economico e del mercato del lavoro locale?

Il direttore generale della Camera di commercio svizzero-americana (AmchamLink esterno), Martin Naville, in un'intervista rilasciata lo scorso agosto alla "Tribune de Genève", ha avvertito che le notizie economiche da Ginevra sono cupe.

Il cantone sta lottando per attrarre nuove imprese americane. Infatti, negli ultimi dieci anni il numero dei dipendenti delle multinazionali statunitensi a Ginevra è diminuito del 10%, ha sottolineato Naville. Una tendenza che egli imputa in parte a "nuove incertezze legate alla vita politica svizzera", nonché alla forte concorrenza di altre piazze economiche europee, quali i Paesi Bassi e l'Irlanda.

Notizie che confermano questo trend negativo sono seguite in settembre: Japanese Tobacco International (JTI) e lo specialista americano di cosmetici Coty hanno annunciato l'intenzione di tagliare i loro organici a Ginevra.

I costi elevati in Svizzera sono chiaramente una sfida per le grandi aziende straniere, ha rilevato Sjoerd BroersLink esterno, Ceo di Auris Relocation.

 "Le aziende stanno licenziando persone a causa della pressione sui costi e i costi a Ginevra sono relativamente elevati", ha detto, aggiungendo che la situazione è analoga a Zurigo. "Per alcuni lavori non ha più senso rimanere in Svizzera".

Il capo del Dipartimento cantonale ginevrino dello sviluppo economico (DDELink esterno), Pierre Maudet, la pensa diversamente e relativizza le affermazioni di Martin Naville.

"Si tratta di scelte individuali che rispondono a logiche ed esigenze ben distinte", ha dichiarato a swissinfo.ch, aggiungendo che JTI e Coty hanno riaffermato i loro stretti legami con Ginevra.

Sulla stessa lunghezza d'onda è Guillaume Blanchin, direttore della società di consulenza per il reclutamento di personale Robert Walters SvizzeraLink esterno, per il quale, la decisione di Coty di concentrare due terzi del suo personale ad Amsterdam è complessa e non deve essere vista semplicemente attraverso una lente finanziaria.

Come Maudet, anche Blanchin refuta l'idea secondo cui Ginevra abbia problemi ad attrarre nuove imprese americane. "Negli ultimi anni le aziende hanno spostato i centri decisionali negli Stati Uniti. Le conseguenze sono una minore autonomia qui a Ginevra e una razionalizzazione delle posizioni finanziarie", osserva.

Nuovi arrivi

Secondo gli ultimi dati di promozione economica, la regione della Svizzera occidentale rimane una destinazione interessante per le nuove imprese straniere, seppur in minor misura rispetto al passato. Questa primavera, l'agenzia per lo sviluppo economico Greater Geneva Bern Area (GGBaLink esterno) ha annunciato che 92 nuove imprese, tra cui numerose start-up, si sono insediate nella regione della Svizzera occidentale nel 2018.

"Ci sono ancora aziende che si stabiliscono e si sviluppano qui", afferma Julien GibertLink esterno, direttore esecutivo della filiale ginevrina della società di reclutamento Michael Page. "Ma non ai livelli di 10-15 anni fa, quando le multinazionali arrivavano con 200 persone. Ora arrivano con dieci persone, ne reclutano altre dieci e ulteriori 15 l'anno successivo".

Pierre Maudet ricorda comunque che Hewlett Packard, Facebook e Microsoft hanno scelto Ginevra per sviluppare nuovi progetti digitali.

In particolare, il cantone di Ginevra spera che la decisione di Facebook di insediare nella città di Calvino parte del suo progetto di sistema di pagamenti in criptovaluta Libra dia un enorme impulso alle credenziali della regione nel campo della tecnologia blockchain.

Talenti specifici cercansi

A livello macroeconomico, in un contesto di pressioni commerciali globali, l'economia svizzera guidata dalle esportazioni ha rallentato, con una crescita di appena lo 0,8% prevista per quest'anno, seguita dall'1,7% nel 2020. Il tasso di disoccupazione nazionale rimane però tra i più bassi d'Europa. L'anno scorso è sceso al 2,5%, il valore più basso dal 2002, e nel luglio di quest'anno si è attestato al 2,1%. Tra i Cantoni, Ginevra ha registrato il tasso di disoccupazione più elevato (3,8%).

Tuttavia, la maggior parte delle agenzie di collocamento locali contattate da swissinfo.ch parla di un mercato del lavoro "dinamico" e "promettente", in costante crescita. Il problema, osservano, è trovare il "talento giusto", in particolare per specialisti di management, ingegneria, tecnologia, supporto amministrativo e informatica.

"È un mercato relativamente piatto, in termini di volume, rispetto a un anno fa, ma c'è ancora penuria di candidati", precisa Guillaume Blanchin.

Il più recente Michael Page Swiss Job IndexLink esterno, pubblicato alla fine di settembre, ha segnalato un boom post ferie estive di posti di lavoro vacanti in tutto il Paese. Rispetto a un anno prima, la crescita su scala svizzera è stata del 19,8%, nella regione del lago Lemano (Ginevra, Vaud e Vallese) si è collocata al 19%.

Ritorno del trading

Circa il 60% del gettito fiscale di Ginevra proviene dai settori dell'orologeria, della finanza e del commercio di materie prime.

Dal 2009, l'erosione del segreto bancario svizzero ha colpito duramente il prospero settore finanziario. A Ginevra, nell'ultimo decennio il numero di banche si è ridotto di un quarto. La Svizzera per ora rimane comunque al primo posto mondiale della gestione patrimoniale.

Tuttavia, trovare un lavoro in campo finanziario a Ginevra in questo momento è difficile.

"Oggi, se si pubblica un'inserzione per cercare un analista finanziario, nel giro di una settimana si ricevono 100-200 candidature, poiché ci sono molte persone sul mercato", dice Nicolas LutterLink esterno, che dirige le divisioni IT, finanza e reclutamento di dirigenti presso Nordwand Group a Ginevra. "D'altra parte, gli specialisti in IT ricevono quattro o cinque offerte al mese e se vogliono cambiare posto di lavoro in pratica devono solo cliccare sul pulsante".

Ginevra è anche un importante centro di commercio di materie prime, con aziende come Trafigura e Vitol che contribuiscono per circa il 22% al gettito fiscale cantonale.

Mentre l'azienda agroalimentare statunitense Bunge ha annunciato di recente di aver licenziato una dozzina di trader di cereali a Ginevra nell'ambito della sua ristrutturazione internazionale per ridurre i costi e l'esposizione al mercato, Total SA ha fatto sapere che sta trasferendo circa 200 trader di energia elettrica, gas e gas naturale liquefatto (GNL) da Londra e Parigi a Ginevra, dove si aggiungeranno ad altri 300 dipendenti.

"Il trading è tornato e da un anno sta andando bene. Ci sono nuove aziende in arrivo, cosa che non era il caso due o quattro anni fa", rileva Julien Gibert.

Via libera alla riforma fiscale

Tutto questo dopo che nel maggio di quest'anno in Svizzera i votanti hanno dato il nullaosta a una riforma fiscale che adegua il sistema elvetico di tassazione delle imprese agli standard internazionali. Molti cantoni hanno di conseguenza ridotto le loro aliquote fiscali per compensare il fatto che hanno dovuto abolire i privilegi che accordavano a multinazionali con sedi e filiali in Svizzera. L'aliquota dell'imposta sugli utili aziendali nel cantone di Ginevra è stata abbassata dal 24,2% al 13,99%.

È prematuro per dire quale sarà l'impatto di questo cambiamento fiscale, ma degli osservatori, come Sjoerd Broers, sono ottimisti. L'incertezza sulla riforma della tassazione delle imprese ha costretto molte società a "tenere in sospeso" le decisioni riguardo agli investimenti, spiega il Ceo di Auris Relocation.

"Ma l'insicurezza è ora scomparsa, quindi dovremmo vedere di nuovo dei movimenti. Ci sono alcuni segnali di ripresa, ma ciò richiede tempo", ha dichiarato l'esperto di delocalizzazione.


(Traduzione dall'inglese: Sonia Fenazzi)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.