Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Una svizzera guida le donne d'affari

Antoinette Rüegg, presidente di International Federation of Business and Professional Women

Antoinette Rüegg viaggerà molto nei prossimi tre anni per promuovere in tutto il mondo la causa delle donne d'affari.

La signora Rüegg è stata eletta presidente della Federazione internazionale delle donne professioniste.

La Rüegg, che è stata eletta presidente del BPWI (Business and Professional Women International) durante una conferenza in Australia, guiderà l'organizzazione fino al 2005, quando il suo mandato scadrà in concomitanza con la conferenza internazionale dell'organizzazione che si svolgerà a Lucerna.

Fondata a Ginevra nel 1930, BPWI conta oggi 50.000 membri in più di 100 Paesi. "Il nostro scopo principale è dare forza alle donne perché possano creare una società più umana, con lo stesso livello d'influenza dei loro colleghi maschi.

Uno scopo ambizioso. "È una sfida che raccogliamo da sette decadi, un periodo durante il quale è diventato sempre più importante poter collegare le nostre risorse", afferma la signora Rüegg.

Sviluppare il potenziale

"Per me è un compito formidabile sviluppare il potenziale di questa organizzazione mondiale", dice ai microfoni di swissinfo.

La Rüegg, 57 anni, non è alle prime armi in questo campo. Dopo gli studi di biologia ha insegnato nelle suole superiori per quasi 20 anni, prima di dedicarsi alla psicologia applicata.

Oggi dirige una società per lo sviluppo delle risorse umane, e fa consulenza a privati, a piccole imprese e agli insegnanti delle scuole superiori. Il suo incontro con BPWI fu casuale.

"Una volta lessi un articolo di giornale sul BPWI di Zurigo e rimasi stupita del fatto che esistesse un'organizzazione del genere", dice. "Mi stupì il fatto che ogni nuovo membro dovesse fare una presentazione del proprio lavoro e della sua vita professionale".

"Mi sembrò molto speciale, e fui sorpresa anche dal fatto che ci fossero donne così attive". Sulla necessità di spezzare il dominio maschile nel mondo degli affari, la signora Rüegg ha idee molto chiare.

Partner

"Penso che le donne debbano essere vere partner degli uomini. Penso che sia importante che si lavori insieme senza sensi di superiorità, dice.

"Si tratta di una nuova cultura, in quanto dal punto di vista del comportamento riproduttivo, l'uomo ha la priorità e questo non è un buon comportamento nella vita professionale".

"Dobbiamo cambiare questo atteggiamento", aggiunge. Un processo che dovrebbe essere un'evoluzione più che una rivoluzione.

Donne avare con se stesse?

Antoinette Rüegg fa notare che quando si tratta di aiutare se stesse, le donne sono più avare rispetto alla generosità che mostrano quando devono invece aiutare gli altri.

Una cosa che va cambiata secondo lei. Infatti il BPWI è basato principalmente sul finanziamento che deriva dalla quota d'iscrizione, con in più alcune attività di sponsoring e di raccolta di fondi. Le finanze, ammette la signora Rüegg, sono sempre un po' "strette".

La filiale svizzera del BPWI rappresenta una forza trainante all'interno dell'organizzazione mondiale. Anche se molte donne si lamentano del pesante doppio compito di dover conciliare famiglia e carriera.

"È molto più difficile di quanto credessi. Anche se io ad esempio non ho figli, è dato per scontato che sia la donna quella che si prende cura della famiglia...".

"Se una donna ha veramente bisogno dell'aiuto del marito, è qualcosa che molto spesso l'uomo deve imparare a fare. Non ci è abituato e non è così facile come pensavo".

Il programma dei prossimi tre anni

Le priorità di Antoinette Rüegg per i prossimi tre anni comprendono il miglioramento delle possibilità legate all'informatica per le donne del BPW e la creazione di un'importante rete di scambi culturali.

"Penso che sia importante che ci avviciniamo ai membri dell'associazione per sentire da vicino quali sono le loro esigenze, così miglioreremo anche la loro motivazione", dice.

Motivazione significa anche che le donne che fanno parte del BPW diano un contributo finanziario maggiore all'organizzazione per promuoverne la causa.

swissinfo, Robert Brookes

(traduzione: swissinfo, Raffaella Rossello)

In breve

Antoinette Rüegg è la terza svizzera ad essere eletta presidente del BPWI International.

BPWI International ha rappresentanti permanenti presso le Nazioni Unite e agenzie a New York, Ginevra, Parigi, Vienna, Roma, Seul e in Brasile.

L'organizzazione ha giocato un ruolo primario in tutte e quattro le conferenze mondiali dedicate alle donne dal 1975 al 1995.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×