Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Alptransit: confermato l'aumento dei costi

Progressi continui per la galleria ferroviaria più lunga del mondo, quella di base del Gottardo

(Keystone)

Come già annunciato in gennaio, i costi complessivi di Alptransit dovrebbero aumentare a 16,3 miliardi di franchi.

440 milioni in più rispetto al preventivo. Intanto sta per cadere l’ultimo diaframma della galleria di base del Lötschberg.

I lavori per la realizzazione delle Nuove trasversali ferroviarie alpine (NTFA) procedono: e come conferma l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) anche i costi complessivi di Alptransit salgono.

La caduta dell'ultimo diaframma della galleria di base del Lötschberg è imminente: l'avvenimento sarà celebrato con una festa, cui parteciperà il consigliere federale Moritz Leuenberger, il 28 aprile.

L'obiettivo è mettere in servizio l'asse del Lötschberg nel 2007. Alla fine del 2004, nella galleria di base del San Gottardo era già stato scavato il 41% dei cunicoli e dei tubi.

Più di 17 miliardi, nel peggiore dei casi

L'incremento delle spese è dovuto principalmente alle difficoltà geologiche su entrambi gli assi (San Gottardo e Lötschberg), nonché alla messa a punto del progetto di tecnica ferroviaria per la galleria del San Gottardo.

In base all'attuale valutazione dei rischi, la NTFA potrebbe costare, nell'ipotesi più sfavorevole, 17,4 miliardi di franchi.

Ma a causare l’aumento dei costi sono stati anche i lavori di aerazione e sorveglianza, che implicano evoluzioni tecniche costanti.

La Confederazione potrebbe essere chiamata nuovamente alla cassa: i crediti approvati dal parlamento ammontano a 15,6 miliardi. Finora ne sono stati spesi 6,5. Il resto si basa in parte su ipotesi e verrà fatturato solamente nel corso dei prossimi anni, evidenzia il direttore dell'UFT Max Friedli nel rapporto.

Saranno comunque necessarie nuove misure di compensazione e di ridimensionamento che riguarderanno in particolare i cantieri previsti ma non ancora aperti. Il Consiglio federale indicherà a partire dal 2007 al parlamento quali infrastrutture sono necessarie e finanziabili.

Poche possibilità di risparmio

In relazione ai costi supplementari, la società Alptransit sottolineava però, a metà marzo, che con la progressiva realizzazione le possibilità di risparmio diventano sempre minori, in particolare per la galleria di base del San Gottardo.

"Al contrario, per la galleria di base del Ceneri verranno analizzati e applicati altri standard e direttive della Confederazione", si legge sul comunicato di Alptransit.

In particolare resta aperta la questione se la costruzione debba essere realizzata a tappe o no.

Qualche metro ...e poi la luce

Alla fine del 2004 al Lötschberg era già stato completato il 98,6% dell'intero sistema di gallerie, precisa l'UFT. Attualmente restano da scavare ancora pochi metri.

Alla fine dell'anno scorso erano stati approntati il 41% dei 153 km di pozzi, cunicoli e tubi della galleria di base del San Gottardo. Oggi la percentuale è salita al 44%.

Mentre a Faido, nell'avanzamento nord del tubo ovest, la roccia si è confermata estremamente problematica, nel comparto di Sedrun i problemi sono per ora inferiori a quanto previsto.

Lunghi tempi di realizzazione

Per realizzare con successo il progetto del secolo, la NFTA, è necessaria la perseveranza di tutti i responsabili, conclude il comunicato dell’UFT.

La pianificazione e la costruzione hanno una durata di oltre 25 anni. In questo periodo, le esigenze di costruzione, gli standard tecnici e i requisiti di sicurezza cambiano, e con essi le prestazioni da fornire e, di conseguenza, i costi.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Costi complessivi previsti a progetto ultimato:16,3 miliardi di franchi.
Un aumento di 440 milioni, come già annunciato nel gennaio 2005.
Il tunnel di base del Lötschberg dovrebbe essere inaugurato nel 2007.
Quello del Gottardo per il 2015-2016.
Con i suoi 57 chilometri sarà il più lungo tunnel ferroviario del mondo

Fine della finestrella

In breve

Il progetto Alptransit è stato approvato dal popolo nel 1992.
Nel 1998 viene votato un fondo di 30,5 miliardi per il trasporto pubblico, di cui 13,6 per le nuove trasversali alpine.
Ora viene confermato un nuovo sorpasso della previsione dei costi.

Fine della finestrella


Link

×